Box Office Italia, 18 giugno: vince ancora Jurassic World. Male Mary

box office italia

Box Office Italia: gli aggiornamenti settimanali sui principali incassi del weekend

Jurassic World – Il Regno Distrutto prosegue il suo lavoro di salvagente per il Box Office Italia, tradizionalmente affaticato dai mesi caldi e quest’anno ancor più privo di titoli di richiamo del solito. Il film di Bayona regge discretamente, e pur viaggiando al di sotto del primo capitolo (che chiudeva la seconda domenica a più di dieci milioni) segna comunque un buon punto a favore rispetto all’ancor più povero weekend dello scorso anno (+8,3%).

Molto meno da segnalare in ottica novità. Jurassic World fa la parte del leone, prende tutto e lascia le briciole agli altri ben al di sotto delle soglie base di aspettative: con la parziale eccezione di A Quiet Passion, biopic dedicato a Emily Dickinson e interpretato da Cynthia Nixon, il resto delle uscite non lascia traccia e chiude con bottini minimi. Da segnare tra queste il Nicolas Cage di 211 e il romantico Ogni Giorno, rispettivamente secondo e terzo, forti di una distribuzione di livello; ancora meno incisivo Mary e il Fiore della Strega, ritorno di un Hiromasa Yonebayashi orfano dello Studio Ghibli, piuttosto atteso e accolto, rispetto a Arrietty e Marnie, con una certa freddezza.

Questa la Top Ten approfondita del Box Office Italia al lunedì del 18 giugno:

  1. JURASSIC WORLD- IL REGNO DISTRUTTO  WE: 1.792.541 euro  TOT: 6.922.996 euro
    SPETT: 259.205;  SALE: 881; SETT: 2
    Sulla falsariga del  primo  weekend, Bayona perde il 50% e tiene senza difficoltà il primo posto in un fine settimana senza concorrenza (ce ne saranno altri). I quattordici milioni del primo capitolo restano difficili, si punterà a superare i dieci.
  2. 211 – RAPINA IN CORSO  WE: 191.476 euro  TOT: 191.476
    SPETT: 29.418; SALE: 286; SETT: 1
    Nicolas Cage di basso profilo quello di 211. Il divo americano torna in sala dopo un lungo periodo di lavoro in ambito DTV, ma l’heist movie non decolla e sconta il periodo di stanca. Una buona distribuzione garantisce comunque il secondo posto.
  3. OGNI GIORNO WE: 187.283 euro  TOT: 187.283
    SPETT: 28.106; SALE: 321; SETT: 1
    Peggio il di Michael Sucsy. Ancora un adattamento di un romanzo rosa per ragazzi (genere cinematografico di forte tendenza), come già Tuo Simon non trova tra il pubblico italiano l’impatto sperato. Troppe sale, media tra le peggiori
  4. SOLO – A STAR WARS STORY  WE: 168.212  TOT: 4.155.824
    SPETT: 24.424; SALE: 242; SETT: 4
    Ormai agli sgoccioli il percorso di Solo, prolungato dalla mancanza di nuove uscite e destinato a chiudersi entro dieci giorni. Il ritmo ormai è preso, chiuderà sotto i 4,5 milioni. Ma il flop è soprattutto globale.
  5. MARY E IL FIORE DELLA STREGA  WE: 148.192 TOT: 148.192
    SPETT: 20.147; SALE: 267; SETT: 1
    Delude anche il primo prodotto dello Studio Ponoc, costola della Ghibli, dall’autore dell’amatissimo Marnie. Uscita spalmata su una settimana (tecnica ormai consolidata), non si è evidentemente creata la sensazione di evento sperata. Potrebbe chiudere sotto i 200mila.
  6. DEADPOOL 2  WE: 92.821 TOT: 6.901.311
    SPETT: 13.096; SALE: 584; SETT: 5
    Chiude in bellezza Deadpool 2. I dati del primo film non erano replicabili e si sapeva, ma 7 milioni (400mila in meno del prototipo) restano un traguardo importante, specie se in concomitanza con Infinity War.
  7. A QUIET PASSION  WE: 68.849  TOT: 68.849
    SPETT: 10.995 ; SALE: 60; SETT: 1
    Unico dato positivo tra le uscite settimanali, il film ispirato alla vita di Emily Dickinson strappa a sorpresa una settima posizione e la miglior media per sala Jurassic World escluso. Debutto importante, che potrebbe prolungarne significativamente la vita in sala.
  8. LA STANZA DELLE MERAVIGLIE  WE: 66.520  TOT: 66.520
    SPETT: 10.553; SALE: 92; SETT: 1
    Carol aveva giovato dell’uscita natalizia e del raffronto critico importantissimo. Il secondo film su commissione di Todd Haynes non replica il colpo: il racconto per ragazzi non è evidentemente nelle corde dell’autore americano, e nella moria delle sale estive manca un pubblico alternativo. Distribuzione comunque limitata.
  9. LA TRUFFA DEI LOGAN  WE: 62.995  TOT: 711.535
    SPETT: 9.706; SALE: 155; SETT: 3
    Ultimo weekend in top per il nuovo Soderbergh, che presto lascerà il posto ad Unsane. I ritmi altissimi del regista americano, uniti al ritardo nella distribuzione nostrana garantiscono il paradosso di un Soderbergh al mese. Val la pena approfittarne.
  10. DOGMAN  WE: 60.185  TOT: 2.335.532
    SPETT: 8.866; SALE: 93; SETT: 5
    Si ridimensiona dopo un mese ad altissimo livello Dogman, pronto a chiudere il suo percorso approfittando delle proiezioni nelle arene estive. Non supera Il Racconto  dei Racconti, ma data la natura controversa del soggetto rimane un risultato importante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here