Collega morto per 11 minuti: il drammatico ricordo di Ethan Hawke

Al The Graham Norto Show, Ethan Hawke ha raccontato di un tragico incidente avvenuto a teatro qualche anno fa, un ricordo che non potrà mai dimenticare.

Ethan Hawke e Richard Easton.

Al celebre “The Graham Norton Show“, Ethan Hawke condivide un drammatico ricordo che non potrà mai dimenticare.

“Ha avuto un infarto, è caduto al centro del palco e il pubblico ha pensato che fosse molto divertente”, racconta l’attore nato ad Austin. La storia risale al 2006, quando Hawke stava lavorando ad una produzione teatrale di Tom Stoppard, The Coast of Utopia, a New York. Insieme a lui, recitava anche l’attore canadese, principalmente di teatro, Richard Easton (che ha recitato in soli tre film, tra i quali Enrico V di Kenneth Branagh). Nella pièce, Hawke interpretava il figlio di Easton ed in una scena doveva chiedergli dei soldi. Il personaggio del padre, dopo questa richiesta, avrebbe dovuto infuriarsi e sbraitare.

Un giorno, però, qualcosa andò male. Hawke racconta, infatti, che durante una delle repliche, giunto a questo momento, Easton (all’epoca settantatreenne) era molto accaldato. La foga del momento ed il caldo causarono l’arresto cardiaco dell’attore canadese, che si accasciò al centro del palco. Il pubblico non capì subito, pensò che si trattasse di una trovata divertente. Ma Hawke, che già aveva lavorato con Easton, realizzò subito che qualcosa fosse andato “terribilmente male”.

Ethan Hawke al Graham Norton Show.
Ethan Hawke al Graham Norton Show.

I medici non tardarono ad intervenire: “E’ saltato fuori che era morto. Abbiamo chiamato l’ambulanza e lo hanno rianimato. Undici minuti più tardi.”, ha raccontato l’attore al Graham Norton Show.Dopo questa tragica esperienza, quando era ancora in ospedale, Easton chiese al collega di andare a trovarlo durante il ricovero per ripassare le battute e, dopo poche settimane, tornò nuovamente sul palco. Hawke ricorda che tutte le sere, quando era il momento della scena che è costata un infarto a Easton, si sentiva molto nervoso.

Un’esperienza traumatica che avrebbe potuto risolversi in una reale tragedia se un membro della crew dello spettacolo (“the guy who did the props”, racconta Hawke) ed uno spettatore, medico, non fossero stati pronti a praticare un massaggio cardiaco al povero Easton. Però, aggiunge l’attore, “lo spettacolo migliore della mia vita è stato quando è tornato sul palco”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here