Oscar in arrivo per Harrison Ford e Roger Deakins?

Condividi l'articolo

Oscar in arrivo per Harrison Ford e Roger Deakins? 

Trionfare agli Oscar, si sa, è il sogno di qualunque professionista lavori nel mondo del cinema. Ad alcuni fortunati è riuscito subito, al film di debutto sul grande schermo (Barbra Streisand, Lupita Nyong’o), ad altri ci sono voluti anni di infruttuosi tentativi (“Give Leo his Oscar”, vi ricorda nulla?), molti altri ancora invece, sono ancora lì che ci provano. Se si dovesse stilare una classifica dei nomi illustri tenuti fuori dalle nomination, state pure certi che sia Harrison Ford che Roger Deakins, entrambi nel cast di Blade Runner 2049, ci finirebbero dentro nelle rispettive categorie . Vi avevamo raccontato nei giorni scorsi (qui) di una stampa entusiasta del sequel del capolavoro di Scott, e di alcune recensioni molto sicure nell’attribuire perlomeno la nomination ad entrambi; che si tratti finalmente della volta buona per i due?

Jared Leto, il cattivone del secondo capitolo di Blade Runner

Ricordiamo che se Harrison Ford (nonostante i ruoli iconici interpretati negli anni) è sempre stato snobbato dalla statuetta dorata, finendo tra le nomination una sola volta, con “Il testimone”, a Roger Deakins è andata decisamente peggio: i suoi tredici tentativi come direttore della fotografia si sono sempre rivelati un buco nell’acqua. Quello che stupisce ancor di più riguardo proprio al DOP, oltre al numero, è la qualità dei suoi lavori, tra cui citiamo “Le ali della libertà”, “Fargo”, “Non è un paese per vecchi”, “Prisoners”, “Sicario”.

LEGGI ANCHE:  Ennio Morricone: "Tarantino è un cretino"
Il maestro Roger Deakins al lavoro. Che sia giunta l’ora di trionfare?

Gli ingredienti per un gran film ci sono tutti, ma la fiducia è riposta soprattutto in Villeneuve, che ultimamente non sbaglia un colpo (parlando di fantascienza, “Arrival” è stato senza alcun dubbio il miglior film del 2016). Il 5 ottobre sembra non voler arrivare mai, la nostra ansia sale, ed Indiewire intanto si sbilancia. Riusciremo a vedere cose che non possiamo nemmeno immaginare?

Fonti: Indiewire