Mare Fuori 4, la reazione degli utenti: “Inguardabile”

La quarta stagione di Mare Fuori non si sta rivelando all'altezza delle aspettative dei fan. Ecco le principali critiche rivolte alla serie Rai.

mare fuori
Una scena di Mare Fuori
Condividi l'articolo

La quarta stagione di Mare Fuori è partita “col botto”: le prime sei puntate hanno registrato il record di visualizzazioni nelle prime ore dal rilascio in streaming su Rai Play. Ricordiamo che le altre sei puntate di questa quarta stagione usciranno su Rai Play il 14 febbraio. Nella stesso giorno però inizierà anche la messa in onda della serie su Rai 2 ogni mercoledì in prima serata.

Ma come è stata l’accoglienza di questi primi episodi della serie da parte degli utenti? Beh, questo potrebbe non far piacere agli appassionati, ma i commenti non sono stati proprio positivi. In questo articolo andremo a fare un po’ il punto sulle reazioni del pubblico a questa quarta stagione di Mare Fuori (anzi, alla prima parte, perché la seconda, come dicevamo, deve ancora uscire).

“Inguardabile, sembra una recita scolastica”

Su TikTok e in generale sui social stanno spopolando i video e i commenti negativi che accompagnano queste prime sei puntatate dello show Rai. Se, come anticipato, c’era un’attesa a dir poco spasmodica per vedere questa quarta stagione, già dai primi episodi è chiaro che la serie ha preso una strada un pochino diversa rispetto a quella tracciata nelle stagioni precedenti. Molti utenti e youtubers l’hanno definita una “recita scolastica imbarazzante”, fatto sta che anche nella sceneggiatura il calo è stato a dir poco evidente.

LEGGI ANCHE:  Chi è il Pavone de Il Cantante Mascherato, svelata l'identità

I commenti negativi non risparmiano nemmeno gli attori e la loro recitazione, definita “inguardabile” da molti. Altri si lamentano del fatto che Carmine (uno dei protagonisti, interpretato da Massimiliano Caiazzo) si sia “ammosciato” per correre dietro a Rosa Ricci. Quest’ultima viene invece incolpata di piangersi troppo addosso, specialmente in questa prima parte, dove i fan si aspettavano un qualcosa di un po’ più dinamico, anche in relazione al loro rapporto. Emblematico, poi, il video diventato virale in cui si vede Giulia (la Clara di Sanremo) che tira calci e pugni ad un Piaggio Ape rosso.

È solo una delle tante scene prese di mira dai fan, che si aspettavano ben altro dai loro beniamini. In un altro video pubblicato da un utente sempre su TikTok, invece, si fa notare un errore di montaggio. In una scena in cui il comandante Massimo entra nell’ufficio della nuova direttrice Sofia, l’attrice Lucrezia Guidone lo congeda e poi va a sedersi su una “sedia immaginaria”, credendo di essere fuori dall’inquadratura. Sono solo alcuni degli esempi che stanno uscendo fuori sulle piattaforme social per criticare Mare Fuori 4.

LEGGI ANCHE:  Accordo Rai per battere Netflix Italia

Perché quello di Mare Fuori è un calo “fisiologico” per una serie tv

Al di là dei meme e delle critiche, proviamo ad analizzare i motivi dietro a questa reazione negativa degli utenti. Va detto che, come per ogni altra serie tv, è assolutamente normale che si verifichi un calo “fisiologico” dell’apprezzamento da parte dei telespettatori. In primis, perché non è più “la novità”. E poi perché la maggior parte di quello che c’era da dire è stato detto. Ci saranno puntate più “lente”, aspettatevelo, anche perché questa e le prossime stagioni (la Rai ha già fatto sapere di avere in produzione la quinta e la sesta della serie) andranno ad approfondire aspetti legati al passato di alcuni protagonisti.

Mettici poi che si è voluto rinunciare a molti membri del cast che in parte avevano fatto la fortuna di Mare Fuori. Parliamo soprattutto di Filippo O’Chiattillo (Nicolas Maupas) e Naditza (Valentina Romani), oltre che Carolina Crescentini. È chiaro che le new entry dovranno uscire piano piano, ma è assolutamente normale che possa esserci una flessione nel gradimento di una serie tv come questa. Italiana, peraltro, già che è arrivata alla quarta stagione con questi ascolti è molto.

Voi che ne pensate?

Seguici su LaScimmiaPensa!