Matthew Perry, la sezione rapine-omicidi indaga

Anche la sezione rapine-omicidi della polizia di Los Anglese sta indagando sulla morte di Matthew Perry

Matthew Perry, friends
Condividi l'articolo

La notizia della morte di Matthew Perry ha devastato i fan di Friends e in generale tutti gli amanti di cinema e televisione. Dopo i primi giorni di grande shock, ora si inizia a cercare di capire di cosa l’attore sia morto. Nel tentativo di determinare la causa della morte le autorità stanno ripercorrendo tutti i passi compiuti dall’attore quel giorno. Gli esperti hanno affermato che il lavoro del team sarà ampio e probabilmente richiederà un paio di mesi per essere completato. 

Oltre a esaminare il corpo, condurranno anche test tossicologici, intervisteranno coloro che erano intorno all’attore quel giorno e perlustreranno la scena alla ricerca di indizi. Ricordiamo che il corpo di Matthew Perry è stato trovato riverso nella sua vasca idromassaggio e che i primissimi test hanno escluso la presenza di di fentantyl o metanfetamine nel suo organismo.

Il capitano della polizia di Los Angeles Scot Williams, che guida la divisione rapine-omicidi che sta indagando sulla morte di Perry, ha detto che “la causa della morte potrebbe non essere nota per un po’ di tempo, ma a questo punto non si sospetta alcun atto criminale”. Harvey ha detto che mentre un’autopsia potrebbe aver risposto a molte domande fondamentali sullo stato del corpo di Perry, inclusi cuore, arterie e polmoni, un esame più dettagliato condotto da un tossicologo e alla ricerca di sostanze chimiche nei suoi organi potrebbe raccontare un’altra storia.

LEGGI ANCHE:  Friends: il commovente messaggio sulla tomba di Matthew Perry [VIDEO]

L’autopsia rivelerà eventuali problemi cardiaci. Ad occhio nudo saranno in grado di guardare il suo cuore e vedere se qualcuna delle sue arterie si sia intasata – ha detto Harvey.

I funzionari dell’ufficio del coroner notano che i test tossicologici possono richiedere dai tre ai sei mesi.

I test tossicologici post-mortem sono un processo in più fasi, non un test con un solo strumento come visto in ambito clinico – ha affermato l’ufficio in una nota. I campioni post-mortem sono coagulati e richiedono fasi di estrazione prima che un campione possa essere utilizzato su uno strumento.

I funzionari del coroner affermano che ogni classe di farmaci richiede più strumenti per testare un campione e hanno osservato che “più farmaci vengono trovati nel corpo di un defunto, più tempo richiede il test”. Le fonti hanno detto al Los Angeles Times che sebbene Matthre Perry sia stato trovato nella vasca idromassaggio, non è stata presa alcuna decisione sul fatto che sia annegato.

LEGGI ANCHE:  Matthew Perry: l'ex fidanzata parla della morte dell'attore

Michael Baden, ex medico legale di New York City, ha detto che nel caso di Perry, “durante l’autopsia, si dovrebbe capire se era vivo quando è entrato in acqua, a giudicare dalla quantità di acqua nei suoi polmoni”.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa