Hellboy, Jack Kesy sarà il Diavolo Rosso nel reboot

L'attore Jack Kesy è stato scelto per interpretatr Hellboy nel prossimo reboot live action dedicato al Diavolo Rosso

Condividi l'articolo

A distanza di qualche giorno dall’annuncio fatto della messa in produzione di un nuovo reboot live action di Hellboy dopo il fallimentare tentativo fatto nel 2019 con David Harbour, oggi abbiamo finalmente il nome di colui che darà il volto al Diavolo Rosso. Trattasi di Jack Kesy, attore noto per il suo ruolo in The Strain e per aver interpretato Black Tom Cassidy in Deadpool 2.

Jack Kesy è un attore dinamico che ha la capacità di trasformarsi nei suoi ruoli – ha dichiarato il co-presidente di Millennium Media, Jonathan Yunger. Il suo talento e la sua statura sono perfetti per questo giovane Hellboy. Sono rimasto molto colpito da lui mentre lavoravamo insieme a The Outpost

Il nuovo film che sarà diretto da Brian Taylor, già co-regista di Ghost Rider – Spirito di vendetta, sarà vietato ai minori e sarà basato sulla serie a fumetti The Crooked Man miniserie del 2011 scritta dall’ideatore del personaggio, Mike Mignola e vedrà Hellboy bloccato nell’Appalachia rurale degli anni ’50 con un agente del BPRD (Bureau of Paranormal Research and Defense ndr) alle prime armi. Lì si scoprirà una piccola comunità infestata da streghe, guidata da un diavolo locale con un inquietante legame con il passato di Hellboy.

LEGGI ANCHE:  Hellboy 3, Ron Perlman accende le speranze dei fan

Parlando con Collider qualche giorno fa, lo stesso regista Tayloro aveva spiegato che questo nuovo reboot sarà un folk-horror.

Ho proposto un film folk horror vietato ai minori e la squadra di Millennium Media non ha fatto altro che supportarmi – aveva detto Taylor. È un fantastico gruppo di persone, e amano l’horror. Abbiamo parlato del fatto che, sapete, non ha senso fare un film vietato ai minori solo per il gusto di farlo. [Non ha senso] dire che dev’essere vietato e quindi dobbiamo aggiungere A, B e C. Ma il materiale originale, è oscuro, spaventoso, violento e adulto. Quindi, per rendergli davvero onore, non vogliamo lavorare con le mani legate

Amo il personaggio di Hellboy e la mia interpretazione preferita del personaggio è in questa particolare era [quella in cui si svolge Corcked Man ndr]. I film [di Guillermo del Toro] erano delle imponenti opere che erano in tutto e per tutto in stile del Toro. Ma alcuni dei fumetti che [il creatore] Mike [Mignola] stava realizzando all’epoca avevano un’atmosfera molto diversa. Più snello e meschino, raccapricciante, folk horror. Un giovane Hellboy, che vaga per gli angoli bui del mondo… Investigatore del paranormale , stalker notturno… The Crooked Man in particolare è proprio un libro così iconico, scritto da Mike, disegnato da Richard Corben, un’altra leggenda. Ambientato alla fine degli anni ’50. La mia versione preferita del personaggio. È questo che mi attira, poter esplorare una fase che consente un vero e proprio reset e far vedere un Hellboy che ancora non abbiamo visto al cinema.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Il caos di Hellboy, è stato un incubo fare il film

Seguiteci su LaScimmiaPensa