Billie Eilish in fuga dai social: “Ho cancellato tutto dal mio telefono”

Billie
Condividi l'articolo

“Odio come Internet ti rende credulone: tutto quello che leggo, ci credo”: Billie Eilish non è l’unica ad evitare sempre più le insidie della rete

Ormai lo abbiamo capito: internet e i social non sono tutto rose e fiori (anzi). E quando, come Billie Eilish, sei la cantante più famosa del mondo o giù di lì, certo la situazione non migliora. Già in passato l’artista aveva rifuggito social come Instagram per evitare lo spudorato bodyshaming e l’immancabile quantità di commenti negativi di ogni tipo.

Oggi rincara la dose, sostenendo di star cercando di tenersi lontana dalla rete e dai social il più possibile: “Non li guardo più. Ho cancellato tutto dal mio telefono, il che è tutto dire per me. Perché tipo, tu [racconta parlando con Conan O’Brien] non sei dovuto crescere con internet”.

“Per me è stato una parte così grande… non della mia infanzia, non ero una iPad baby grazie a Dio, ma onestamente, mi sembra di essere cresciuta nel momento perfetto in cui internet non era così ‘internettoso’. Ho avuto una bella infanzia e facevo cose tutto il tempo. Poi sono diventata una pre-adolescente, e c’erano gli iPhone”.

LEGGI ANCHE:  Billie Eilish - Guarda il nuovo video, xanny

“E quando sono diventata un po’ più grande, c’era tutto quel che [la rete] era diventata ma essere una pre-adolscente e una teenager su internet… quella era la mia gente, io ero una di loro. Sono una persona che va su internet, e non cambio niente della persona che sono o della vita che vivo e semplicemente continuo a fare quello che faccio anno dopo anno”.

“E lentamente i video che guardo e le cose che vedo su internet riguardano me. ‘Ew, che schifo, non mi piace questa cosa’ ho detto”. Billie aggiunge anche: “Ecco un’altra cosa che mi manda fuori di testa di internet: quanto ti rende credulona. Tutto quello che leggo su internet, ci credo. Io. So con certezza che è stupido e non dovrei perché ho la prova che non è tutto vero. Quasi niente è vero”.

Billie dà un’interessante prospettiva di come la Gen Z è cresciuta con l’uso della rete, di come vi abbia sviluppato un’appartenenza e un’inter-dipendenza e di come ora stia cercando di uscirne. Le generazioni precedenti si stanno già muovendo in tal senso, come provano musicisti millennial quali Hayley Williams dei Paramore ed M83, ma anche uno di mezz’età come Liam Gallagher.

LEGGI ANCHE:  Lady Gaga vuole essere la mentore di Billie Eilish

Fonte: NME

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente