Constantine 2 è in fase di scrittura, Goldsman loda Reeves

Lo sceneggiatore Akiva Goldsman ha parlato del prossimo Constantine 2 spiegando che il merito del progetto è tutto di Keanu Reeves

Constantine
Condividi l'articolo

Qualche mese fa, a sorpresa, è stato annunciata ufficialmente la produzione di Constantine 2, sequel del film del 2005 di Francis Lawrence con protagonista Keanu Reeves. I fan sono andati immediatamente in visibilio nell’apprendere la notizia. Tuttavia non sapevano di dover ringraziare una e una sola persona per questa gioia: proprio il buon vecchio Keanu. Il produttore e sceneggiatore Akiva Goldsman ha infatti spiegato a Deadline che è tutto merito dell’insistenza dell’attore se il progetto è ufficialmente partito.

Questo progetto è merito di Keanu, che ha ripetuto all’infinito: “Questo è il personaggio che amo e voglio tornare ad interpretarlo”. Alla fine, penso che l’ha abbia detto così tante volte che l’ha fatto accadere davvero

Andando avanti lo sceneggiatore ha anche dato qualche prima informazione circa la possibile trama di questo Constantine 2.

Stiamo ancora delineando il tutto, ci sto lavorando proprio adesso. Ma il personaggio è in pieno stile Keanu Reeves e ed è interessante il modo in cui lui e Francis [Lawrence, il regista, ndr] considerano questo mondo diviso tra bene e male, che coesistono in questa meravigliosa e autentico atmosfera noir. Oltre a questo, lo stiamo ancora scoprendo mentre scriviamo la sceneggiatura.

Recentemente anche lo stesso Keanu Reeves aveve parlato a Total Film della sua insistenza e perseveranza per chiedere la realizzazione di Constantine 2.

LEGGI ANCHE:  Constantine 2 è in produzione, parola di Peter Stormare [FOTO]

Non so se ci fosse un affare incompiuto, ma era sicuramente un ruolo che amavo. E ho pensato che Francis Lawrence, il regista, avesse fatto un lavoro così straordinario. Mi è piaciuto interpretare quel personaggio e mi è piaciuto molto il film. Andavo da loro e dicevo: [facendo una voce da Oliwer Twist, ndr] “Potrei averne ancora?”. Continuavo a chiederlo quasi ogni anno. Chiedevo: “Posso per favore?”. E loro: “No, no!” 

Che ne pensate? Siete contenti?

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa