The Witcher, nuovi retroscena sulla rinuncia di Cavill

In un episodio del podcast Deuxmoi, una fonte anonima ha rivelato nuovi retroscena riguardanti il cambio di protagonista in The Witcher

the Witcher
Condividi l'articolo

Qualche tempo fa il mondo delle serie TV è stato stravolto dalla notizia riguardante il cambio di protagonista che la serie di The Witcher ha subito. Henry Cavill ha infatti lasciato dopo 3 stagiorni dello show e al suo posto è stato chiamato Liam Hemsworth (qui i dettagli). A distanza di diversi giorni, durante un episodio del podcast Deuxmoi è stata letta una dichiarazioni fatta da una fonte anonima che ha rivelato alcuni retroscena riguardanti il comportamento di Cavill che hanno portato all’avvicendamento.

All’inizio dello show, era bello lavorare con Henry – si legge. C’erano state un sacco di richieste insolite che hanno fatto sentire le persone come se non fosse davvero un giocatore di squadra, ma non è insolito per una grande star. Anche se in TV, di solito non succede fino alla seconda stagione. Ma nella seconda e terza stagione qualcosa è cambiato ed è diventato davvero impossibile per le donne lavorare con lui, il che è sempre un grosso problema. Ma anche peggio qui, perché la showrunner è una donna. 

Cercava di ignorarla e di ottenere modifiche all’ultimo minuto su tutte le battute a sua insaputa. Che, se sai qualcosa di show running, è una cosa completamente fuori di testa. Lo showrunner deve firmare ogni minuscolo dettaglio fino ai bottoni di un costume. Scrittrici e registe donne sono state improvvisamente completamente ignorate sul set, incapaci di svolgere il proprio lavoro. Ogni capo dipartimento si lamentava. Ha iniziato a fare commenti. Non era una cosa sessuale: non toccava nessuna nè faceva cose oscene, ma era comunque irrispettoso e tossico. 

È profondamente dipendente dai videogiochi, al punto che è stato come lavorare con qualsiasi altro dipendente. Era distratto, era in ritardo, era ossessivo. E molte persone pensano che la misoginia provenga dal mondo dei giocatori. Il linguaggio dei videogiochi non è il modo in cui parli ai colleghi. E non si sarebbe fermato. Qualcuno nello show ha paragonato il suo comportamento al lavaggio del cervello da parte di Qanon. Tutta la sua personalità è cambiata. Alla fine la sua mancanza di rispetto è aumentata. Ha riscritto scene senza nemmeno allertare gli altri attori fino al momento delle riprese. 

Ha deciso che non voleva alcuna scena romantica. Niente baci, niente scene senza maglietta, ecc. Voleva il controllo completo delle trame, ma in realtà non aveva idea dei limiti della TV, della struttura, del budget, ecc. Ha stretto una strana alleanza con uno scrittore che era anche un giocatore, che alla fine è stato licenziato dopo che sono stati presentati numerosi reclami alle risorse umane. E dopo che lo scrittore se n’è andato, Henry ha fatto tutto il possibile per ritardare la produzione e causare problemi. 

Alla fine i vertici di Netflix erano stanchi che costasse loro denaro con ritardi nelle indagini sulle risorse umane. E allo showrunner è stato chiesto di costruire una potenziale uscita per lui. Netflix lo ha contattato personalmente e gli è stato dato un ultimatum e ha violato quell’avvertimento con un’e-mail che ha inviato all’intero staff di sceneggiatori, subito dopo quell’incontro. Era così.

Che ne pensate? Vedrete The Witcher anche senza Henry Cavill?

LEGGI ANCHE:  The Witcher, Chalotra: "No controfigure per scene di Sesso"

Seguiteci su LaScimmiaPensa