Mindhunter: il confronto con la vera intervista di Manson

Un fan di Mindhunter ha creato un video nel quale mette a confronto l'intervista di Charles Manson vista nella serie con quella accaduta nella realtà

manson
Charles Manson nella seconda stagione di mindhunter
Condividi l'articolo

Mindhunter è una delle serie Netflix più amate al mondo. Tra i grandi punti di forza dello show di David Fincher c’è la grande fedeltà che i personaggi hanno con le controparti della vita reale. Per questo motivo un fan ha deciso di creare un video nel quale mette a confronto l’intervista di Charles Manson vista nella serie, uno dei momenti più iconcii dell’intero show, con quella accaduta nella realtà quando il celebre criminale parlò con 60 Minutes Australia. Il risultato è assolutamente incredibile.

Nella finzione Charles Manson è stato interpretato, sia nella seconda stagione di Mindhunter che in C’era una volta a Hollywood di Quentin Tarantino da Damon Herriman. L’attore ha parlato nel 2019 con Esquire per raccontare il modo con cui si è preparato per una parte così complicata.

Avevo letto Helter Skelter [Romanzo scritto da Vincent Bugliosi e Curt Gentry che racconta il caso Manson ndr] quando avevo vent’anni, avevo già visto documentari, quindi conoscevo le basi di quello che era successo e chi fosse, ma neanche lontanamente quanto ho scoperto quando ho ottenuto il primo ruolo. Avevo circa sei mesi prima di doverlo girare, quindi ho fatto un tuffo molto profondo in tutto ciò che potevo trovare in termini di lettura, ascolto e visione. Principalmente, una volta che avevo le basi e le informazioni in termini di cosa era successo e chi fosse, passavo davvero molto tempo a guardare i video perché, alla fine, volevo provare a catturare la sua voce e il modo in cui si muovevca e la sua essenza

Andando avanti con l’intervista, l’attore aveva anche parlato delle differenze delle due versioni di Manson interpretate.

LEGGI ANCHE:  Mindhunter 2, la Tv all'altezza del Cinema | Recensione

È stato bello nel senso che non ho dovuto rifare la ricerca: ho letto e guardato tantissime cose. Immagino che la cosa principale su cui volevo concentrarmi era: era diverso 11 anni prima? Ho scoperto che lo era. Aveva più di leggerezza. Non aveva quell’amarezza che ha in prigione. La sua voce era un po’ diversa, era più leggera. È stato bello poter inserire piccole differenze tra i due. Ovviamente è la stessa persona, ma è stato bello trovare anche alcuni punti di differenza.

Impressionante.

Seguiteci su LaScimmiaPensa