Mindhunter 3, Fincher spegne le speranze definitivamente

Parlando con Premiere, David Fincher ha spento le speranze definitivamente su una terza stagione di Mindhunter

mindhunter
Condividi l'articolo

Circa un anno fa David Fincher, parlando col giornale francese Le Journal Du Dimanche, aveva rivelato che la terza stagione di Mindhutner rimarrà un progetto irrealizzato.

Sono molto orgoglioso delle prime due stagioni – aveva detto. Ma è uno show molto costoso e, agli occhi di Netflix, non abbiamo attirato un pubblico sufficiente per giustificare l’investimento. Non li biasimo, hanno corso dei rischi per portare avanti la serie, mi hanno dato i mezzi per realizzare ‘Mank’ come volevo e mi hanno permesso di avventurarmi su nuove strade con ‘The Killer’. È un’opportunità per lavorare con persone capaci di osare. Il giorno in cui i nostri desideri non saranno più gli stessi, dovremo essere onesti e separare le nostre strade.

Ebbene, a distanza di circa un anno, ha parlato con Premiere in occasione della sua estensione del contratto con Netflix fino al 2027, ribadendo lo stesso concetto dicendo:

Forse House of Cards non era un grosso rischio, ma Mindhunter lo era. Un procedurale sulle scienze comportamentali che non era né X-Files, né CSI, né Criminal Minds, ma racconta il ritratto di un ragazzo che perde la verginità nel mondo dei sadici psicosessuali?

Non siamo riusciti a completare il percorso, ma è stata una scommessa. Anche una serie costosa. Molto costoso. Siamo andati il ​​più lontano possibile finché qualcuno alla fine ci ha detto: “Non ha senso produrre questa serie in questo modo, a meno che non si possa ridurre il budget o renderla più pop, in modo che più persone la guardino”. Non volevamo cambiare il nostro approccio quindi, rispettosamente, ci hanno detto che stavano tracciando una linea di demarcazione.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Love Death and Robots: un tripudio di generi ed una potenziale rivoluzione linguistica

Seguiteci su LaScimmiaPensa