Mank, Fincher e Gary Oldman in un film Netflix su Herman Mankiewicz

david fincher gary oldman

Stanno per sciogliersi tutti i nodi di un accordo firmato ben 5 anni fa, nel 2014, anno in cui David Fincher ha risposto “si” alla domanda di mamma Netflix circa la realizzazione di un film biografico su Herman Mankiewicz. Gary Oldman sembrerebbe il prescelto per il ruolo principale.

Il film, intitolato Mank, si basa su una sceneggiatura del defunto padre di Fincher, Jack, che aveva scritto questa storia prima di passar a miglior vita nel 2003.

Leggi anche: Gary Oldman – da Dracula a Sirius Black, da James Gordon a Winston Churchill

I dettagli sulla trama sono vaghi ma diverse fonti riportano la volontà, da parte della produzione, di far ruotare le vicende attorno alla realizzazione del film Citizen Kane, popolare gioiello di Mankiewicz e titolo che gode di grande rispetto nell’ambito cinematografico. Nonostante il successo critico dello storico film, ottenuto grazie anche alla direzione di un’altra leggenda, Orson Welles, la sceneggiatura è risultata l’unico sforzo a valere un Oscar.

Il film dell’azienda californiana sarà girato in bianco e nero e l’inizio delle riprese è programmato per iniziare a novembre. Fincher sarà affiancato da Cean Chaffin e Douglas Urbanski.

Mank segna il primo lungometraggio di Fincher dopo aver lavorato per la televisione con Gone Girl insieme a nomi del calibro di Ben Affleck e Rosamund Pike. Parallelamente alle attività per il piccolo schermo, il regista portava avanti collaborazioni interessanti con Netflix che lo ha coinvolto in show come House of Cards, Mindhunter e Love, Death & Robots.

Leggi anche: Love Death & Robots è stata rinnovata per una seconda stagione

Dall’altro lato, Oldman, fresco di Oscar per il suo ritratto di Winston Churchill in Darkest Hour, si è dato a produzioni altrettanto rilevanti come The Laundromat (sempre per la stessa piattaforma digitale), The Woman in the Window e The Courier.

L’iniziativa sembra seguire la lungua scia di opere biografiche che hanno segnato gli ultimi 12 mesi. Tra tutte, basta dare uno sguardo a Rocketman e Bohemian Rhapsody, nonché all’imminente biopic di J. R. R. Tolkien (interpretato da Nicholas Hoult), anch’esso una prospettiva allettante per un genere che tuttavia risulta ancora vergine rispetto allo streaming on demand. Non rimane che aspettare per vedere com’è andrà la prima e se la storia del grande sceneggiatore americano verrà apprezzata come meriterebbe.