Kim Kardashian: multa da 1,2 milioni di dollari per pubblicità illegale di criptovalute

Kardashian
Condividi l'articolo

Kim Kardashian nei guai per aver fatto pubblicità senza dichiarare di aver percepito un compenso. Ecco cosa è successo

Una bella botta finanziaria quella toccata a Kim Kardashian, superstar della rete e dei social nonché figura vip femminile tra le più in vista del jet-set americano. Forse la più famosa tra le celebri sorelle Kardashian-Jenner, assieme alla sorella Kourtney e alla sorellastra Kylie Jenner.

Recentemente Kim ha fatto molto parlare di sé anche per via della relazione matrimoniale con Kanye West, durata solo qualche anno, del successivo divorzio e di un’altra relazione con il comico Pete Davidson. Aggiungendo che si tratta di una delle personalità più seguite su Instagram, capiamo bene come nel suo caso la pubblicità illegale possa essere un problema.

In realtà quello che la Kardashian ha fatto è stato “soltanto” non aver denunciato, nel 2021, i 250mila dollari percepiti per aver fatto pubblicità sul suo profilo Instagram (seguitissimo, ribadiamo) alla criptovaluta Emax, offerta da EthereumMax. Poco conta che si sia premurata di scrivere #AD (#pubblicità, in pratica) in fondo al post.

LEGGI ANCHE:  Kanye West vittima del disturbo bipolare? La famiglia sarebbe preoccupata

Ora per lei c’è una bella multa di 1,2 milioni di dollari. 1,26 per l’esattezza. Non esattamente briciole anche se non si prevede che la superstar avrà difficoltà alcuna a far fronte alla spesa. Ma operazioni del genere sono di portata sempre più grande e le autorità di regolamentazione economica debbono prestare sempre maggior attenzione a cosa fanno anche gli influencer sui social.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa

Avatar di Andrea Campana
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.