House of the Dragon: ecco chi sono tutti i nuovi personaggi nell’episodio 6

House
Condividi l'articolo

Ecco spiegati tutti i nuovi personaggi che abbiamo trovato nel più recente episodio di House of the Dragon

Come abbiamo visto l’episodio 6 della prima stagione di House of the Dragon ha cambiato un po’ di cose, come del resto era stato preannunciato fin dall’inizio. Infatti abbiamo finalmente compiuto un salto temporale (ellisse) nel futuro di dieci anni, e tanto per cominciare troviamo la principessa Rhaenyra e la regina Alicent da adulte. Le due sono ormai praticamente nemiche giurate.

Il cambiamento comporta come prima cosa che il ruolo nella serie per Milly Alcock ed Emily Carey è terminato. Le due attrici sono state sostituite rispettivamente da Emma D’Arcy (Truth Seekers) e Olivia Cooke (Bates Motel, Ready Player One). Anche altri attori che erano bambini o ragazzi nei primi episodi sono stati sostituiti dai loro corrispondenti adulti, come si sapeva sarebbe accaduto fin dall’inizio.

Essendo cresciuti questi personaggi portano con sé, a coppie, diverse nidiate di nuovi giovani protagonisti, i cui destini si intrecciano e si intrecceranno nel sempre più complesso panorama della futura lotta per il trono. Specifichiamo che di qui in poi per chi non avesse ancora visto l’episodio potrebbero esserci SPOILER, per quanto molti dei risvolti della trama fossero intuibili da tempo.

LEGGI ANCHE:  House of the Dragon: ecco il cast del prequel di Game of Thrones [FOTO]

A cominciare dai figli di Rhaenyra Targaryen con Leanor Velaryon, che in realtà sono stati procreati con Ser Harwin Strong. Costui è figlio di Lord Lionel Strong (ora Mano del Re, cioè primo ministro, dopo la cacciata di Lord Hightower), e nuovo fedelissimo della principessa dopo lo screzio avuto da lei con Ser Criston Cole; il quale, a sua volta e per contro, è ora fedele alla regina.

I figli di Rhaenyra e Ser Harwin sono Jacaerys e Lucerys, ufficialmente di cognome Velaryon per quanto nessuno a corte manchi di notare come non assomiglino per nulla al padre. Questo perché costui, di orientamento omosessuale, sembra aver rifiutato o non essere stato in grado di procreare figli con la principessa consorte in prima persona.

image 13
La regina Alicent Hightower e la principessa Rhaenyra Targaryen in House of the Dragon

Ma i due devono salvaguardare le apparenze e del resto fin dal loro matrimonio il segreto della loro “incompatibilità” viene mantenuto da entrambi, mentre sappiamo che Leanor ha avuto in segreto almeno due amanti maschi e lo stesso vale per Rhaenyra. Nell’episodio assistiamo poi alla nascita del terzo “figlio della coppia”, che viene chiamato Joffrey.

Spostandoci alla coppia formata dalla regina Alicent Hightower e dall’anziano e ormai malato re Viserys Targaryen, abbiamo due figli maschi: Aegon e Aemond. C’è poi anche una figlia femmina, Helaena. In teoria Aegon dovrebbe ascendere al trono come erede maschio del re, ma allo stato di cose attuale l’erede legittimamente nominata è ancora Rhaenyra.

LEGGI ANCHE:  House of the Dragon: una delle scene migliori è improvvisata

Andiamo infine dalla coppia inedita formata da Daemon Targaryen, il fratello esiliato del re, e Laena Velaryon, sorella di Leanor. Da loro sono nate due figlie, che ci vengono presentate brevemente: Baela e Rhaena. Nell’episodio Laena è anche incinta di un terzo bimbo, ma abbiamo visto come va a finire.

Le recenti vicende indugiano di più anche sulla figura di Larys Strong, ormai consigliere e confidente della regina e per questo da molti considerato già come un nuovo “Ditocorto”. Costui è il fratello di Harwin e altro figlio di Lord Lionel Strong. Ci viene presentato come un personaggio enigmatico e machiavellico.

Questo per fare un quadro generale del punto a cui sono giunte le vicende di House of the Dragon e per riassumere la situazione con tutti i nuovi personaggi, specie i bambini e i giovani ora cresciuti. La trama si fa sempre più intricata in un complesso panorama di segreti, tensioni, tradimenti meditati o messi in atto. Vedremo che cosa accadrà.

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa