Pino Insegno sostiene Giorgia Meloni: “Lei come Daenerys”

Pino Insegno per presentare Giorgia Meloni lo ha paragonata a Daenerys, personaggio interpretato da Emilia Clarke in Game of Thrones

Emilia Clarke
Emilia Clarke de Il Trono di Spade saluta la sua amata Irlanda
Condividi l'articolo

Nella giornata di ieri si è conclusa la Campagna Elettorale di Giorgia Meloni e del suo Partito Fratelli d’Italia. Sul palco sul palco di piazza del Popolo la politica ha ricevuto l’affetto dei suoi sostenitori ed è stata introdotta da Pino Insegno. Il grandissimo doppiatore ha introdotto la leader politica prima citando il discorso che Aragorn fa davanti al Nero Cancello in Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re (qui per vederlo) e poi paragonando la Meloni a niente meno Daenerys Targaryen, personaggio interpretato da Emilia Clarke in Game of Thrones.

Io e Giorgia? Siamo amici da vent’anni. Lei è come Daenerys Targaryen, la regina dei draghi – ha detto il membro della Premiata Ditta. Una donna decisa e attenta, non toccherà mai il divorzio o l’aborto Antonio Bravetti

A seguito di queste parole Pino Insegno è stato fortemente criticato sul web. Tuttavia lui ha risposto in modo ironico parlando con l’Adnkronos.

LEGGI ANCHE:  Willie Peyote attacca Giorgia Meloni su Twitter

Mi criticano perché ho introdotto il comizio della Meloni? Sti ca… lo fanno anche perché sono della Lazio

La Meloni ha tuttavia ricevuto recentemente anche grandi attacchi dal mondo dello spettacolo. In particolare hanno fatto molto rumore le parole che ha scritto su Instagram Skin, leader del gruppo musicale Skunk Anansie

Mi rattrista vedere la mia amata Italia sprofondare verso il fascismo per la prima volta dalla seconda guerra mondiale – aveva scrito la musicista. Questa è Georga Meloni che potrebbe diventare il prossimo Primo Ministro italiano, il suo partito è un discendente di Benito Mussolini che demonizza rifugiati e immigrati. Stessa schifezza, stessa agenda fascista/ razzista di destra. Le persone nere e marroni non hanno alcun potere in Italia, ma vengono incolpate di tutto ciò che l’élite italiana continuamente sbaglia.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa