Brian Molko dei Placebo attacca Giorgia Meloni

Durante il concerto dei Placebo andato in scena al Stupinigi Sonic Park, Brian Molko ha insultato pesantemente Giorgia Meloni

brian molko, giorgia meloni
Credits YouTube/Brian Molko - Wikipedia/ Governo italiano
Condividi l'articolo

In questi giorni a Stupinigi, provincia di Torino, si sta svolgendo il Sonic Park, Festival musicale al quale stanno partecipando star sia nostrane che internazionali. Lo scorso 11 luglio è stata la volta dei Placebo che hanno infiammato la folla come loro solito. Tuttavia il concerto è divenuto virale a causa delle parole che il leader Brian Molko ha rivolto al presidente del Consigio Giorgia Meloni. In un video che sta rimbalzando rapidamente sul web lo si può sentire infatti accusare la leader di Fratelli d’Italia di essere fascista, razzista oltre che pez*o di merda.

L’invettiva di Brian Molko è arrivata proprio all’inizio del concerto, subito dopo aver invitato i fan a godersi il concerto senza pensare troppo a filmare tutto con il cellulare. Cosa che, evidentemente, non è accaduta. Il cantante dal palco ha lanciato diversi appelli tra cui uno in cui chiedeva più tutele per i diritti delle persone non binarie e transgender.

LEGGI ANCHE:  Zero trova in albergo il comitato della Meloni e si infuria

Queste parole sono state segnalate immediatamente alla Procura dalle autorità presenti all’evento. Al momento non risultano provvedimenti della magistratura, ma in una nota dei carabinieri viene confermata la segnalazione:

Autorità giudiziaria informata, per le valutazioni del caso, da tenenza cc Nichelino mediante annotazione dei militari della compagnia carabinieri di Moncalieri presenti in servizio di ordine pubblico.

Non sono mancate, ovviamente, le razioni del mondo politico. La vicecapogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Augusta Montaruli, ha dichiarato al Corriere della Sera:

Gli insulti verso Giorgia Meloni proferiti dal palco dello Stupinigi Sonic Park sono un fatto inaudito su cui non abbiamo sentito parole né di condanna né di scuse da parte della sinistra che, tra l’altro, governa il comune di Nichelino. Una presa di distanza pubblica è doverosa. Ringraziamo le forze dell’ordine per aver segnalato il fatto alla Procura. Denigrare una persona non è arte ma semplicemente squallido. Non si può permettere che un evento che attira così tante persone venga rovinato da parole-spazzatura nel silenzio generale. Ora la sinistra si schieri altrimenti sarà tra i fan dei fomentatori di odio.

Che ne pensate di quest’attacco di Brian Molko?

LEGGI ANCHE:  I Placebo sono tornati: ecco il nuovo singolo, Beautiful James [VIDEO]

Seguiteci su LaScimmiaPensa