Better Call Saul, Bob Odenkirk parla del finale

Parlando con Entertainment Weekly, Bob Odenkirk ha commentato il finale di Better Call Saul, appena rilasciato su Netflix

better call saul
Condividi l'articolo

Nelle ultime ore Netflix ha rilasciato l’ultimo episodio dell’ultima stagione di Better Call Saul, amatissima serie spin-off di Breaking Bad. Per l’occasione il protagonista dello show Bob Odenkirk ha parlato con Entertainment Weekly di quanto visto nell’ultima puntata, spiegando le sue sensazioni riguardo alla scelta finale di Jimmy di confessare tutti i suoi crimini e passare il resto della vita in carcere.

Quando ho letto la sceneggiatura il mio primo pensiero è stato: “Evviva, gli avete dato tutta la sensibilità e l’intelligenza che ha avuto dentro di sè per tutto questo tempo”. Sta incarnando quello che è, la sua parte migliore sta finalmente venendo fuori. Ho sempre pensato che fosse capace di fare la scelta che fa alla fine e di riconoscere il proprio ruolo in tutta questa faccenda. E che non è una vittima. Mi piace che lo faccia, e lo fa perché ama Kim, e lo fa perché sa che, a lungo termine, è la cosa che le mostrerà che è sempre stata una brava persona e non un serpente spezzato.

Penso che questa sia la sua redenzione. Non si nasconderà mai più da se stesso, come ha fatto per tutta la serie. Ha capito che non ne vale la pena, sai? E la cosa più importante è che lascerà la Terra dopo aver detto all’unica persona a cui tiene quanto la ama e lo ha dimostrato. È un uomo adulto. Quando superi i 50 anni, smetti di pensare: “Ho ancora tre vite” e ti rendi conto che: “Ho una sola vita”.

Andando avanti Bob Odenkirk parla anche dell’ultimo momento che Saul passa insieme a Kim, nella stanza degli interrogatori in prigione, fumando una sigaretta in una posa simile a quella del pilot di Better Call Saul

È un momento di incredibile accettazione, di tutto ciò che hanno fatto di ciò che sono, di ciò che significano l’uno per l’altro e di quale sarà la sfida del resto della loro vita. Ma c’è pace. Sono in pace e sono finalmente in grado di espirare, da qui l’uso delle sigarette. Voglio dire, le sigarette sono un ottimo modo per mostrarlo, con i personaggi che espirano. Sono finalmente in grado di esalare tutta la tensione e di rilasciare tutto quello che hanno dovuto trattaenere, i loro personaggi e le loro bugie e la loro esposizione al mondo e l’uno all’altro.

Non si fanno nessun tipo di presentazione. Stanno insieme, completamente. Lo adoro. Mi piace così tanto! Non c’è molto da fare. Stanno succedendo molte cose. Ci sono molti personaggi che si sentono in pace, che non si sono mai sentiti in pace, sai? Sono stati personaggi solamente irrequieti. Voglio dire, Jimmy è l’epitome della persona irrequieta. Il suo cervello è sempre in movimento dal momento in cui lo abbiamo incontrato per la prima volta in Breaking Bad. E ora vediamo un uomo in pace con le scelte che ha fatto, con quello che è e ama. Ha amore per il resto della sua vita. Ognuno di loro ha un pezzo del cuore dell’altro. 

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Recensione: Better Call Saul 4, la morte di Jimmy Mcgill