God of War Ragnarok spaventa la concorrenza e fa rinviare i giochi

Il videogioco di Santa Monica Studio è un'uscita così tanto importante e temuta che ha spinto alcuni sviluppatori e publisher a cambiare le loro strategie di mercato.

god of war ragnarok
Condividi l'articolo

God of War Ragnarok è un videogame molto atteso dal pubblico: il titolo, sequel di God of War (2018), recente reboot della saga omonima di Santa Monica Studio, vedrà i due protagonisti, Kratos e suo figlio Atreus, combattere una forza del tutto imponente: la fine del mondo dell’era norrena ovvero il Ragnarǫk. L’utenza in questi mesi ha avuto la possibilità di prepararsi all’annuncio della data di uscita ufficiale del prodotto, prevista ad ora per il 9 novembre 2022.

La release di God of War Ragnarok rientra, a tutti gli effetti, tra gli eventi videoludici più importanti della stagione annuale e sembra che molti publisher e sviluppatori stiano fuggendo ai ripari. Come riportato da Tim Gettys di Kinda Funny, infatti, alcune case di produzione hanno deciso volutamente di spostare la data di uscita dei loro prodotti in maniera tale che non coincidesse con l’arrivo proprio di GOW. Gettys non è stato troppo specifico ma ha confermato che ha avuto alcune chiamate di lavoro con persone “agitate” e “spaventate” che vogliono dare al gioco il proprio spazio.

LEGGI ANCHE:  God of War: Ragnarok, minacce di stupro per il ritardo del gioco

Non è sicuramente un caso il fatto che Forspoken da ottobre 2022 è stato spostato a gennaio 2023 o che Skull and Bones sarà sugli scaffali l’8 novembre (ovvero un giorno prima di God of War Ragnarok) o ancora che Call of Duty: Modern Warfare II e Gotham Knights saranno distribuiti settimane prima dell’uscita dell’opera di Santa Monica Studio. Ad ogni modo la scelta sembra molto saggia: non ci dimentichiamo che God of War ha vinto tantissimi premi e anche questo seguito potrebbe figurare tra i prodotti più impattanti e importanti di quest’anno.

Il titolo, pubblicato da Sony Interactive Entertainment, sarà distribuito il prossimo 9 novembre, su PlayStation 4 e PlayStation 5. Il prodotto ha subito, come molti altri videogiochi, l’impatto del coronavirus tant’è vero che inizialmente la realizzazione doveva vedere la luce nel 2021. Continua a seguirci su LaScimmia Gioca.

LEGGI ANCHE:  I migliori giochi per PlayStation 5 2021 secondo la Scimmia [LISTA]