Better Call Saul, Gould parla dell’infarto di Odenkirk: “Non c’era piano B”

Parlando con THR, Peter Gould ha rivelato che non esisteva alcun piano B per Better Call Saul dopo l'infarto di Bob Odenkirk

Better Call Saul, offerte amazon, migliori offerte amazon
"It's all good, man!"
Condividi l'articolo

L’estate scorsa, durante le riprese della sesta e ultima stagione di Better Call Saul, il protagonista della serie Bob Odenkirk, ha avuto un attacco di cuore che ha messo seriamente a rischio la sua vita. Il produttore e co-creatore Peter Gould, ha parlato con The Hollywood Reporter di quei drammatici momenti, rivelando come la produzione non avesse un piano B se fosse sopraggiunto il peggio.

Non esiste un piano di riserva per il tuo protagonista che ha un attacco di cuore – ha spiegato Gould. È impossibile. Ti ricorda che per quanto tu sia preoccupato e importante sia l’intrattenimento, e per quanto ci sentiamo tutti come se fosse una questione di vita o di morte mentre lavoriamo a questi show e per quanto io mi senta sempre sul punto di essere schiacciato da un masso, non è così. È intrattenimento. Quando qualcuno a cui tieni va giù davanti a tutti, cambia tutto. Il miracolo è stato che Bob è tornato dopo cinque settimane. Ed era esattamente lo stesso di prima, forse anche un capello più generoso

Non c’ero quando ha avuto l’infarto, ma ero lì il primo giorno in cui è tornato. C’è stato questo sballo emotivo nel vederlo di nuovo. Ma c’era anche tantto nervosismo. “Dobbiamo stare attenti a non stressarlo troppo?” Bob era pronto per partire, infatti, quando era ancora in ospedale, mi chiamava e diceva: “Forse dovresti mandarmi dei copioni”. Naomi, sua moglie, in sottofondo diceva: “Non inviare i copioni”. Non so se ho risposto alla domanda sui piani di riserva, ma può non essercene nessuno. Non avremmo fatto la serie. Avremmo scartato tutto

La stessa star di Better Call Saul, aveva parlato col New York Times di quanto accaduto, rivelando di sapere da tempo di avere problemi di cuore, causati da un accumulo di placche aterosclerotiche.

LEGGI ANCHE:  Better Call Saul: Esposito vorrebbe una serie che racconti l'ascesa di Gus

Sapevo dal 2018 di avere questo problema al cuore – aveva detto Odenkirk. Sono andato da due cardiologi al Cedars-Sinai, e ho fatto una tac coronarica, una risonanza magnetica e tutta quella roba, e i dottori non erano d’accordo

Dopo aver ricevuto consigli diversi da due medici diversi sul da farsi, l’attore ha seguito il suggerimento del secondo professionista, il quale ha affermato di non aver bisogno di iniziare immediatamente i farmaci. Odenkirk ha detto di essere stato bene fino a quel momento, quando “uno di quei pezzi di placca si è rotto”

Stavamo girando una scena, giravamo tutto il giorno e fortunatamente non sono tornato alla mia roulotte – ha detto.

Tutto bene quel che finisce bene.