Gabriele Muccino si scaglia contro il politicamente corretto

Su Instagram Gabriele Muccino ha attaccato il cosiddetto politicamente corretto definendolo nemico di una visione illuminata della vita

gabriele muccino
Credits: YouTube/ Intervista a Gabriele Muccino: «L'amore muove il mondo» - MYmovies
Condividi l'articolo

Gabriele Muccino ha usato i social per esprimere il suo pensiero sul cosiddetto “politicamente corretto“. E non ci è andato giù leggero.

Una civiltà che ha paura di esprimersi, anche artisticamente, perché ossessionata e impaurita da tutto ciò che diventa politicamente corretto, implode, uccide l’arte, impigrisce l’intelletto omologa la libertà di espressione e le relazioni umane vengono portate al collasso – scrive il regista de La Ricerca della Felicità. Il politicamente corretto è nemico di una visione illuminata, provocatrice, rivoluzionaria e creatrice di movimento nell’animo umano. Il politicamente corretto annichilerà la sete di vita fondamentale al progresso. Purtroppo c’è un grande fraintendimento con quelli che sono i diritti civili e quella che è invece una spirale perversa di retorica pericolosa e figlia di un tempo piccolo e miope.

Questa non è certo la prima volta che Gabriele Muccino utilizza i social per esprimere i suoi pensieri. Qualche tempo fa, subito dopo la notte degli Oscar, si era rammaricato per quanto fatto dal suo amico Will Smith.

LEGGI ANCHE:  Gabriele Muccino contro la Candidatura di Notturno agli Oscar 2021

Sono giorni che ho un grande malessere – aveva scritto il regista. Ho scritto a Will. Lo immagino devastato. E mi sembra ancora impossibile che tutto ciò sia successo veramente, a lui?! A Will?! Non c’è momento in cui non mi chieda come stia. Sotto la gogna del mondo intero. Una vita intera dedicata a diventare una stella del firmamento con rigore, studio, disciplina, serietà, professionalità.

E 15 secondi per polverizzare tutto. Perché questo è successo. Ha polverizzato tutto come se avesse avuto un Blackout della ragione. Lui che ragiona sempre così attentamente su tutto. Non ha senso quello che gli è accaduto, però è accaduto, è irreversibile, incancellabile, e lui ne è l’unico responsabile.

E io che a Will ho voluto e voglio bene davvero, non riesco a fare pace col fatto che si sia fatto saltare in aria così, senza motivo, con l’Oscar che sapeva, era nell’aria, lo aspettava a distanza di minuti. Una volta parlando con lui, io gli dissi che il mio carattere era talmente impulsivo che tendenzialmente avrei potuto iniziare a correre per decidere durante la corsa dove andare. Lui mi disse che ero pazzo.

Che lui non poteva far nulla senza pianificare e progettare tutto prima. Mi disse che non si doveva avere un piano B. Perché il piano B ti distrae e deconcentra dal piano A. Mi disse tante cose. Illuminanti, sagge, bizzarre, potenti, colme di sentimento e intelligenza. Ti voglio bene Will – Mi dispiace davvero tanto sia andata così. TANTO

Che ne pensate di queste parole?

LEGGI ANCHE:  Gabriele Muccino pensa di dimettersi come giurato dai David di Donatello
Avatar di Matteo Furina
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.