Harry Styles – Harry’s House | RECENSIONE

Styles
Condividi l'articolo

Harry Styles torna con un terzo album coloratissimo, nel quale piega l’idea di popstar a sua misura

Se in giro ci fosse ancora qualcuno che si ostina a non voler ascoltare Harry Styles per via del suo passato nei One Direction (sono passati anche sei anni dallo scioglimento… ) si dia una scrollata subito. Perché il nostro ragazzo è cresciuto; si è emancipato ed ha imparato a diventare una popstar moderna, atipica e attenta alla musica come pochi altri colleghi maschi.

Oltre alla lanciatissima carriera di attore che lo ha visto in Dunkirk di Nolan e nel prossimo Don’t Worry Darling di Olivia Wilde (sua attuale fidanzata), Styles ha già pubblicato due album da solista, uno più interessante dell’altro. Non ci credete? Ascoltateli, per favore, dall’inizio alla fine.

E questo terzo disco, sulla cui copertina vediamo il cantante in una stanza sottosopra, non è da meno. L’album è colmo di sonorità interessanti ed esperimenti pop; Styles si mette alla prova con i confini correnti della musica mainstream ma facendo, nel contempo, tutto quello che gli pare e piace.

LEGGI ANCHE:  Harry Styles minacciato con un coltello e rapinato a Londra

Nell’album si va dalla bizzarria esaltata di Music For a Sushi Restaurant (una delle canzoni migliori dell’anno) alla delicata riflessione folk di Boyfriends (che ricorda I Am a Rock di Simon & Garfunkel); e dalla rumorosa e straripante Daylight alla tenue e penetrante Love of My Life (che non è la canzone dei Queen ma al confronto non sfigura).

Paradossalmente il primo acclamato singolo, As It Was, è uno dei brani meno interessanti della tracklist. Ma non si può parlare di punto debole, perché la voglia di fare musica a 360 gradi emerge chiaramente; e sentiamo il lavoro di un artista incapace di vedere, anche in questo brano come negli altri, limitazioni e preconcetti nel suo ruolo di popstar.

Ovvio che quindi, manco a dirlo, siamo ad anni luce di distanza dall’ingenuità boyband dei One Direction; i quali in effetti non ha senso nominare neppure per un frivolo confronto. Harry’s House è davvero un invito che il cantante ci porge ad entrare in casa sua, apparentemente normale ma meravigliosamente eccentrica proprio come ce la figuriamo in cover.

LEGGI ANCHE:  Christopher Nolan rivela la struttura narrativa del suo nuovo film Dunkirk

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente

Harry Styles – Harry’s House / Anno di pubblicazione: 2022 / Genere: Pop
RECENSIONE
VOTO:
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.