Jack White: “I Rolling Stones copiavano i Beatles della settimana prima”

Condividi l'articolo

Jack White ritorna sulla vecchia questione “Rolling Stones copia dei Beatles”

I Rolling Stones “copiavano” i Beatles negli anni ’60. Una cosa che si dice da decadi e che potrebbe essere corretta da un certo punto di vista, incorretta da un altro. Oggigiorno ci torna sopra mister Jack White, mito del rock moderno e ormai leggendario (quasi) quanto le due band di cui parla.

Dice il cantante e chitarrista: “La gente vuole che i Rolling Stones siano fighi, sporchi, rozzi. Non vogliono capire che [negli anni ’60] inseguivano continuamente una hit cibandosi di qualunque cosa fosse la cosa ‘hip’, copiando qualunque cosa i Beatles avessero fatto la settimana precedente”.

“Questo distrugge la fantasia. E la fantasia è pazzesca. Mi sono soffermati tante volte con quel tipo di band. Non è un insulto. Questo è essere intelligenti e trovare un modo per tenere il treno in movimento”. Non si tratta quindi di una critica mossa ai Rolling Stones e a Mick Jagger; ma al contrario White elogia la loro capacità di gettarsi in ogni moda e ogni fenomeno.

LEGGI ANCHE:  The Beatles: l'icona di Abbey Road supera il tempo [RECENSIONE]

Vero è che fino allo scioglimento dei Beatles i Rolling Stones hanno tentato sempre una strada un po’ “speculare” rispetto a loro: tanto nel periodo psichedelico (1966-67) quanto in quello del ritorno alle radici rock (1968-69). Tuttavia è anche vero che l’approccio degli Stones è sempre stato molto più radicato nel blues e nel folk e meno legato alla melodia e alla produzione delle hit. Voi che ne pensate?

Fonte: NME

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente