Machine Gun Kelly – Mainstream Sellout | RECENSIONE

Machine
MGK assieme a Willow Smith nel video di emo girl
Condividi l'articolo

Il nuovo disco di Machine Gun Kelly è un altro esercizio pop punk che piacerà molto ai nostalgici

Bastano due parole per descrivere il nuovo disco di Machine Gun Kelly, dal titolo Mainstream Sellout. La prima è “Blink” e la seconda è “182”. Non fosse altro che per la presenza fissa di Travis Barker alla batteria, come co-autore di ogni singola canzone e come de-facto produttore del disco.

Giusto quindi parlare specificamente di un esercizio di stile, che vuole ritagliare una vignetta dei primi anni ’00 o della fine degli anni ’90, era d’oro del pop punk, e ricostruirla qui nel 2022, come se vent’anni non fossero mai passati. MGK, che è nato nel 1990, intende chiaramente cavalcare l’onda di nostalgia per i bei tempi andati che tutta la generazione millennial sta vivendo.

E ci riesce? Mettiamola così: se la vostra canzone preferita è ancora What’s My Age Again?, se pensate che il pop punk chitarristico e festaiolo di -enti anni fa sia il miglior genere possibile e se ignorate tutto quello che è successo in musica nel frattempo… diciamo di sì. Di fatto, si tratta di un esperimento che, per gli obiettivi che si pone, si può dire riuscito.

LEGGI ANCHE:  Megan Fox e Machine Gun Kelly: i "veri vampiri" criticano la coppia

Ma ecco, appunto, difficile guardare oltre la precisione chirurgica con la quale i tratti del genere sono ripresi e rimodellati sulla personalità esuberante di MGK. Il fatto poi che lui si ostini a voler, specie con queste musiche, figurare come rockstar “tormentata” e maledetta, non può far che sorridere.

Al momento è ufficialmente una delle icone musicali del primi anni ’20, e come tale verrà certamente ricordato. Sta in una favolosa (nel senso di “da favola”) relazione con Megan Fox, è uno dei musicisti di maggior successo del mondo e il riscontro commerciale (che del resto come da programmatico titolo anche questo disco intende incentivare) non gli manca.

Quindi no, difficile credere che dietro a Mainstream Sellout ci sia molto più di quest’uomo di successo che ha indovinato stile, momento storico ed immagine per conquistare platee e fare soldoni. Nell’album c’è un bel suono rock spedito e leggero, tanti ospiti interessanti (Oli Sykes, Lil Wayne, Willow Smith) e tanta ottima musica (pop) punk. Ma fermiamoci pure qui: non c’è altro.

LEGGI ANCHE:  Machine Gun Kelly ha un tatuaggio a forma di taglio sulla gola [FOTO]

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente

Machine Gun Kelly – Mainstream Sellout / Anno di pubblicazione: 2022 / Genere: Pop Punk
RECENSIONE
VOTO:
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.