Sanremo 2022: ecco i nomi delle cinque donne co-conduttrici

Condividi l'articolo

Ecco le cinque donne che accompagneranno Amadeus in ciascuna giornata del Festival di Sanremo

Tutto è pronto per Sanremo 2022, o quasi: la kermesse si avvicina e mentre le attese crescono per quella che sarà (o dovrebbe essere) la prima edizione del Festival “post-virus”, nuovi particolari vengono svelati su ospiti e cast. Compresi i nomi delle cinque donne co-conduttrici, scelti da Amadeus per affiancarlo sul palco dell’Ariston.

Ed eccole: sono Ornella Muti, Lorena Cesarini, Drusilla Foer, Maria Chiara Giannetta e Sabrina Ferilli. Alcune vi saranno istintivamente familiari, altre non vi salteranno subito all’orecchio. Ripassiamo quindi di chi stiamo parlando, a cominciare da Sabrina Ferilli, forse il nome più noto tra i cinque. Per lei non occorrono presentazioni: nota la sua carriera, noto il suo status da super-star, nota la sua bravura.

Subito dopo viene Ornella Muti, storica attrice e nome portante del cinema italiano; negli anni ha lavorato con registi come Mario Monicelli, Dino Risi, Ettore Scola e Francesca Archibugi. La si ricorda per film come Romanzo Popolare di Monicelli e Storie di Ordinaria Follia di Marco Ferreri.

LEGGI ANCHE:  Sanremo Giovani: ecco i 46 concorrenti dell'edizione 2021 [LISTA]

Lorena Cesarini è una giovane e talentuosa attrice già nota al pubblico dei seriofili come la Isabel della serie Suburra, ruolo nel quale si è fatta notare nell’ambito televisivo italiano. Ne 2014 ha anche preso parte al film Arance e Martello di Diego Bianchi, lavorando anche poi con Leonardo Pieraccioni ne Il Professor Cenerentolo.

Maria Chiara Giannetta è la star della serie Blanca, lanciata in questi mesi come prodotto di punta Rai. Ha anche interpretato il ruolo del capitano dei Carabinieri, Anna Olivieri, nella popolare ed immortale fiction Don Matteo. A lei molto si guarda come ad una figura femminile, nella cornice del Festival, “alternativa”.

Infine abbiamo Drusilla Foer, alter-ego femminile di Gianluca Gori: la sua viene definita la prima conduzione “en travesti” nella storia del Festival, un segnale chiaramente forte e in linea con la politica pro-LGBTQ+ già ampiamente espressa dalla direzione di Amadeus. La Foer è pittrice, cantante, attrice e si definisce una “anziana soubrette”. Ha recitato nel film Magnifica Presenza di Ferzan Ozpetek.

LEGGI ANCHE:  Sanremo 2022, Morgan esalta Michele Bravi: "Artista con la A maiuscola"

Fonte: SkyTG24

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.