Michael J. Fox parla della sua malattia: “Non ho paura della morte”

Intervistato con AARP, Michael J. Fox ha parlato della sua vita e, ovviamente, della sua malattia con la quale convive da 30 anni

michael j. fox, ritorno al futuro 3
Condividi l'articolo

Michael J. Fox sarà questo mese sulla copertina della rivista AARP. Per l’occasione ha rilasciato una lunga intervista nella quale parla della sua vita e anche, ovviamente, della sua malattia. Alla star di Ritorno al Futuro (qui 15 curiosità a tema) è stato diagnosticato per la prima volta il Parkinson, una malattia degenerativa a lungo termine del sistema nervoso centrale, nel 1991 e in seguito ha reso pubblica la sua diagnosi nel 1998. Dopo una carriera di attore di successo, piena di ruoli iconici in Spin City e Family Ties, si è ritirato ufficialmente dalla recitazione nel 2020.

Per prima cosa, sono sinceramente un ragazzo felice – dice Fox. Non ho un pensiero morboso nella mia testa – non temo la morte. Assolutamente. Ma quando sono uscito attraverso per quel periodo oscuro, ho pensato a mio suocero, cche era morto e che durante la sua vita ha sempre abbracciato la gratitudine, l’accettazione e la fiducia. Ho iniziato a notare cose di cui ero grato e il modo in cui le altre persone avrebbero risposto alle difficoltà con gratitudine. Ho concluso che la gratitudine rende l’ottimismo sostenibile.

E se pensi di non avere nulla per cui essere grato, continua a cercare. Perché non ricevi solo ottimismo. Non puoi aspettare che le cose vadano bene e poi essere grato per questo.Devi comportarti affinché con la gratitudine arrivi anche l’ottimismo.

Fox ammette che “alcuni giorni sono più difficili di altri”, ma il Parkinson non determina il modo come vive la sua vita.

LEGGI ANCHE:  Viaggio nella filmografia di Peter Jackson - da Bad Taste a Lo Hobbit

La malattia è questa cosa che si attacca alla mia vita – non è il sup conducente. E poiché ho risorse, ho accesso a cose che gli altri non hanno. Non inizierei a confrontare la mia esperienza con quella di un ragazzo che lavora al quale viene diagnostica il Parkinson e deve lasciare il lavoro e trovare un nuovo modo di vivere. Quindi, sono davvero fortunato

L’attore ha poi concluso spiegando di aver recentemente visto Ritorno al Futuro e di esserne compiaciuto.

L’ho visto in TV lo scorso Natale. E ho pensato di essere davvero bravo, meglio di quanto pensassi. Ancora più importante, ho colto lo spirito del film. Ho capito che era solo una grande risata e che tutti noi abbiamo bisogno di prenderci il merito di ciò che abbiamo fatto e delle vite che abbiamo toccato e di fare un passo indietro di tanto in tanto e apprezzare che gran parte della vita è stata fantastica e che c’è molto di più da vivere

Cosa ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Ritorno al Futuro, quando Michael J. Fox suonò con i Coldplay [VIDEO]
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.