Michael J. Fox contro le star dei social media

Parlando con PEOPLE, Michael J. Fox ha riflettuto sulla differenza della fama al giorno d'oggi rispetto a 40 anni fa.

michael j. fox
Condividi l'articolo

Parla Michael J. Fox

Michael J. Fox è oramai lontano dai set da lungo tempo a causa della malattia con la quale è in lotta da decenni. Alla star di Ritorno al Futuro (qui 15 curiosità a tema) è stato infatti diagnosticato per la prima volta il Morto di Parkinson, una malattia degenerativa a lungo termine del sistema nervoso centrale, nel 1991 e in seguito ha reso pubblica la sua diagnosi nel 1998. Nel corso degli anni tuttavia la sua stella non si è mai spenta. Per questo motivo, parlando con PEOPLE, ha riflettuto sulla differenza della fama al giorno d’oggi rispetto a 40 anni fa.

Quando mi hanno assegnato l’Oscar onorario, qualcuno mi ha detto il giorno prima, stavano parlando di ricevere questo premio e di diventare famoso e ha detto: “Sei una persona famosa negli anni ’80” – dice Michael J. Fox. Ho pensato: “Wow, che bello. Famoso negli anni ’80. Esatto, eravamo diversi”. Eravamo diversi. Eravamo più tosti. Non avevamo i social media o tutte queste stupidaggini. Eravamo semplicemente famosi. Dovevamo cavarcela da soli, ed erano tempi bellissimi

ISCRIVETEVI AL NOSTRO CANALE WHATSAPP

LEGGI ANCHE:  Michael J. Fox sarebbe pronto per tornare a recitare

Alla domanda se essere famosi negli anni ’80 fosse “più difficile” di quanto lo sia adesso, Michael J. Fox risponde:

Beh, dovevi avere talento. Ci rompevamo il culo e guardavamo gli altri attori, sedevamo con altri attori e parlavamo di recitazione. Adesso invece basta dire: “Di che marca è la il maglione che indossi? Come si fa questo passo di danza?”, e sei già la persona più famosa del mondo

Questa non è sicuramente l’unica dichiarazione forte rilasciata dall’attore ultimamente. Parlando con Entertainment Tonight, la star di Ritorno al Futuro ha infatti aperto ad un possibile ritorno alla recitazione:

I miei obiettivi cambiano continuamente. Il più importante è stato costruire una famiglia, poi il lavoro fatto con la mia fondazione per aiutare gli altri. Ma se qualcuno mi offre una parte e io capisco che posso farcela riuscendo anche a divertirmi, ci sto. Sarebbe fantastico

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa