Don’t Look Up, Jennifer Lawrence: “Sul set ero strafatta”

Jennifer Lawrence e Adam McKay hanno raccontato che l'attrice era spesso strafatta sul set di Don't Look Up

don't look up, Jennifer Lawrence
Condividi l'articolo

Si sa, gli attori compiono i gesti più estremi per entrare nelle parti che devono interpretare. Chi perde o acquista peso come Christian Bale e chi invece fuma erba. In quest’ultima categoria appartiene Jennifer Lawrence che ha rivelato di essere stata piuttosto sballata sul set di Don’t Look Up, nuovo film di Adam McKay che la vede protagonista (qui il trailer).

L’attrice interpreta infatti un dottorando in astronomia che calma i suoi nervi con la cannabis dopo aver scoperto una cometa che sfreccia verso la Terra pronta a uccudere tutti.

È stato McKay a fare riferimento per la prima volta a questo suo impegno per il ruolo durante un Q&A post-proiezione a Los Angeles giovedì sera in cui erano presenti anche Leonardo DiCaprio e Meryl Streep.

So cosa stai per dire, e non ero incinta all’epoca, ha detto la Lawrence, che ha annunciato a settembre di star aspettando il suo primo figlio con il marito Cooke Maroney.

McKay ha spiegato la star di Hunger Games ha chiesto il permesso di sballarsi prima di girare una scena con la Streep in cui non aveva linee di dialogo prescritte.

LEGGI ANCHE:  Quentin Tarantino incontra Brad Pitt per il film sugli omicidi della Manson Family

Perché il mio personaggio si stava sballando nel film – ha detto la Lawrence.

Così Jen mi ha chiesto: “Mi lasci improvvisare?” – ha proseguito il regista. Beh, è quello che amo fare con i miei attori! Però, no! Non puoi fumarti una canna! Poi mi sono girato verso la mia assistente perché avevo un’idea per un monologo per lei. Però Jen non era d’accordo. Così l’ho lasciata fare!

Ero un vero bersaglio – ha risposto la Lawrence. Tutti quanti mi prendevano in giro perché ero strafatta!

Non ci resta dunque che attendere l’arrivo di Don’t Look Up al cinema e su Netflix per assistere alla stupefacente performance di Jennifer Larwence. Non si può dire che non prenda davvero sul serio le sue parti.

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.