Salvini risponde a Ghali: “Solo in cerca di notorietà, preferisco Vasco”

Matteo Salvini ha parlato dell'incidente avvenuto allo stadio la scorsa domenica dove è stato attaccato verbalmente da Ghali

salvini, ghali
Credits: Wikipedia/ Angelo Trani - Jtorquy - Ghali - Habibi.png, su YouTube.
Condividi l'articolo

L’alterco avvenuto tra Ghali e Matteo Salvini durante il derby di Milano domenica scorsa non poteva ovviamente non avere strascichi. Il rapper ha infatti attaccato violentemente il politico a causa della problematica relativa all’immigrazione (qui il video). A rincarare la dose sono arrivate poche ore dopo l’accudato anche le parole di Jake La Furia che ha avallato il gesto del suo collega.

Tralasciando le buone maniere io avrei fatto la stessa cosa. Salvini deve andare a rubare – ha detto il rapper al programma radiofonico “105 Kaos”. Per quanto mi riguarda io lo avrei insultato e mi spiace non esserci stato. Sono contro qualsiasi cosa Salvini pensi. Ognuno deve ricevere quello che dà. Salvini dice delle cose agghiaccianti a tutto il paese senza preoccuparsi di ferire le persone che sono colpite dalle sue parole. Si dice ‘chi semina vento raccoglie tempesta’. Se tu apri la bocca spesso e volentieri per ferire delle categorie, può essere che quelle categorie quando le incontri non se la tengano. Se io fossi Ghali e incontrassi la persona che dice che tutti quelli che vengono dal mio paese sono dei ladri, che tutti quelli che vengono dal mio paese sono degli spacciatori, che tutti quelli che vengono dal mio paese non possono essere italiani, se ne devono tornare a casa, forse non se l’è tenuta

Salvini dal canto suo ha risposto tramite i social.

LEGGI ANCHE:  Liam Cunningham manda a quel paese un fan di Salvini su Twitter

La musica e l’arte dovrebbero esprimere e alimentare gioia, armonia, amicizia, positività, bellezza – scrive il politico. Perché tanta cattiveria ragazzi miei? Solo per cercare un po’ di notorietà? Vogliamoci bene, peace and love

Il Leader della Lega ha poi ribadito il concetto al programma Quarta Repubblica.

Sarò vecchia maniera, ma non conoscevo il signor Ghali, né il signor Jake La Furia. Preferisco De André, De Gregori, Battisti o Vasco. Mi è spiaciuto perché ero in un momento di tranquillità allo stadio con mio figlio che riesco a vedere poco, ma almeno una partita di calcio dovrebbe essere esente dalla polemica, vederci un ossesso che assatanato mi urla “assassino assassino!” quando il Milan pareggia l’1-0 del’Inter perché io volevo il male del mondo, sono un razzista, sono un fascista

Che ne pensate?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.