Dave Grohl: “Sto ancora elaborando la morte di Kurt Cobain”

In When Nirvana Came to Britain, Dave Grohl ha raccontato di star cercando di elaborare la morte di Kurt Cobain per aiutare i suoi figli

dave grohl, kurt cobain, nirvana
Credits: Wikipedia/ Andreas Lawen, Fotandi - Julie Kramer
Condividi l'articolo

Dave Grohl, frontman dei Foo Fighters ed ex membro storico dei Nirvana, è tornato a parlare della morte del suo amico e compagno nella storica band grunge, Kurt Cobain che si tolse la vita il 5 aprile 1994 a Seattle. Parlando infatti nel documentario When Nirvana Came to Britain, il musicista ha spiegato di come i suoi figli inizino ad avere l’età per apprezzare la musica della sua precedente band e che dunque dovrà raccontagli di cosa accadde al suo frontman.

Sto ancora elaborando la morte di Kurt perché devo spiegarlo ai miei figli, che amano i Nirvana – ha raccontato Grohl. Per molto tempo ho cercato di elaborarlo e parlarne con amici e familiari e cose del genere, e loro mi hanno aiutato, ma ora sento di dover aiutare i miei figli a superarlo. È una forma di guarigione anche questa.

Non è la prima volta che Dave Grohl si apre su quello che ha significato per lui la morte di Kurt Cobain. Lo scorso marzo, intervistato da  Dermot O’Leary per BBC, aveva raccontato le sue prime reazioni in quel giorno tremendo.

LEGGI ANCHE:  Dave Grohl vuole suonare la batteria per gli ABBA: "Sono un grande fan"

Non avevo un piano per superare la cosa – disse all’epoca. Quando succedono cose del genere, il tuo mondo è come se venisse capovolto e scosso. Ti svegli ogni giorno pensando: “Chi sono, dove sono, cosa sto facendo?”. Ricordo il giorno dopo la morte di Kurt, quanto fosse strano svegliarsi sapendo che non era più con noi, e che era passato un altro giorno. Era una cosa del tipo: “Bene, cosa farò oggi?” Allora mi sono reso conto di dover rifare tutto per la prima volta. Era come: “Devo fare una tazza di caffè e questo è la mia prima tazza di caffè da quando Kurt se n’è andato. Questa è la prima cosa che indosserò da quando Kurt se n’è andato”. E così via. Onestamente non so cosa ho fatto. Sono passati mesi e mesi e mesi in questo modo.

Un vuoto incolmbabile.




In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.