De Gregori sul caso Salmo: “Bisogna riflettere e non solo condannare”

Su Instagram Francesco De Gregori ha dato al sua opinione su quanto accaduto in occasione del concerto organizzato da Salmo in Sardegna

de gregori, salmo
Credits: Wikipedia / Corrado de Luca - YouTube/ Salmo - Estate dimmerda (Official Video)
Condividi l'articolo

Anche Francesco De Gregori (qui la nostra analisi di Alcie) ha voluto dire la sua sull’argomento maggiormente in auge nell’ambito musicale italiano in questo momento. Parliamo ovviamente del concerto di Salmo organizzato in Sardegna per aiutare l’isola a seguito dei tremendi incendi ma che ha scatenato enormi polemiche a causa del fatto che le persone coinvolte non rispettassero le misure anti-Covid.

Su Salmo dobbiamo riflettere e non semplicemente condannare la sua trasgressione alle regole – scrive il cantante romano. Io gli sono comunque grato per aver richiamato l’attenzione sul fatto che per una partita di calcio si possa stare in 15.000 in uno stadio mentre per i concerti all’aperto c’è un limite di 1000 persone sedute e distanziate. A che serve allora il green pass ? Tutte le polemiche e tutta la fatica per ottenerlo? Questa limitazione è profondamente ingiusta e mortifica la nostra dignità professionale. Dimostra purtroppo ancora una volta che chi è chiamato a decidere non ha nessun rispetto e nessuna attenzione per la musica “leggera” e per il nostro pubblico.

Il primo ad accendere la miccia qualche giorno fa era stato invece Fedez che aveva avuto parole decisamente più dure nei confronti di Salmo (qui la sua risposta).

LEGGI ANCHE:  Salmo: chi è l'uomo del momento?

Sfruttare la nostra condizione di privilegio, aggirare le regole per soddisfare capricci personali – aveva scritto il rapper milanese su Instagram. Questo non aiuta nessuno. Avete sputato in faccia a migliaia di onesti lavoratori dello spettacolo che quest’anno cercano di tirare avanti con immensi sacrifici rispettando le regole per andare alla pari coi conti (quando va bene).

E mi rivolgo alla regione Sardegna e al sindaco di Olbia. In che modo pensare di rappresentare le persone che hanno scelto di seguire le regole per difendere i lavoratori e la comunità? Come fate a non rendervi conto (o a far finta) che una cosa del genere fatta alle spalle di chi con sacrificio rispetta le regole, nella regione con la più alta incidenza di ricoveri legati al Covid, non farà altro che peggiorare le condizioni della nostra amata Sardegna.

Cosa ne pensate delle parole di De Gregori? Siete d’accordo con lui?