Arnold Schwarzenegger: “Non ho paura della morte ma mi fa inca**are”

Schwarzy non ha paura della morte. Semmai, dovrebbe essere il contrario

Condividi l'articolo

Arnold Schwarzenegger, l’uomo che se potesse prenderebbe a pugni la morte

“Non ho paura della morte, soltanto mi fa inca**are“. Chi potrebbe dire una cosa del genere se non Arnold Schwarzenegger in persona. Certo, sono passati i giorni nei quali Schwarzy era il “badass” per eccellenza del cinema americano, ma questa sembra comunque proprio una battuta uscita dai suoi film.

L’ha detta nel 2019, intervistato durante l’Howard Stern Show, mentre promuoveva Terminator: Dark Fate, l’ultimo film della popolare saga inziata nel lontano 1984. “Soprattutto [mi fa arrabbiare] penso, quando hai una vita come la nostra e poi un giorno [all’improvviso] è finita” dice nell’intervista.

E cosa accade dopo la morte secondo lui? “La verità è che stai sei piedi sottoterra. E marciremo lì. Ecco tutto. Si spera [però] che ci sia una vita dopo questa e tutti sappiamo che sarà diversa. Non ce ne staremo seduti qui così facendo interviste e divertendoci e ridendo”.

LEGGI ANCHE:  È morto Sonny Landham, aveva lavorato con Schwarzenegger e Walter Hill

“Forse ci saranno gli angeli seduti attorno, forse ci sarà lì Dio che ci prenderà a schiaffi ogni volta che diremo una parola di quattro lettere [come fuck] o qualcosa del genere. Non lo so, ma è preoccupante e non lo sopporto. Mi fa tanto arrabbiare: sono furioso” E non ci si potrebbe aspettare altro da lui: no, nemmeno della morte ha paura. Soltanto, gli fa perdere le staffe.

Per fortuna, in ogni caso, qualunque incontro tra lui e il tristo mietitore sembra per il momento rimandato, dato che l’attore si è recentemente sottoposto al vaccino contro il COVID-19, invitando tutti quanti a seguire il suo esempio. E nel farlo non ha mancato di richiamare il suo storico personaggio di Terminator: “Fate come me se volete vivere”.

Fonte: LAD Bible

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Pensa, la Scimmia fa.