Shia LaBeouf lascia la Recitazione (temporaneamente) per Disintossicarsi

Shia LaBeouf si ritira dalla recitazione (per il momento) per curare i propri problemi personali

Condividi l'articolo

Shia LaBeouf si concentra sul rehab in seguito alle accuse di abusi

Shia LaBeouf ha preso la decisione di lasciare temporaneamente il mondo del cinema per concentrarsi sulle cure che sta seguendo, ormai già da settimane. Ragion per cui ha “tagliato i ponti”, riportano fonti estere, con la Creative Artists Agency (CAA) che gli procura appunto lavoro.

La scelta dell’attore segue, anche se a una certa distanza, le accuse mosse verso di lui dall’ex-fidanzata, la cantante FKA Twigs (Tahliah Barnett). Si è parlato di abuso sessuale e fisico, nonché di atti assurdi come, secondo l’artista, l’averle trasmesso volontariamente una malattia venerea.

Già tempo fa LaBeouf si era detto dispiaciuto per l’accaduto e intenzionato a risolvere il suo problema con un recupero terapeutico. “Non sono in alcuna posizione da poter dire a chiunque come il mio comportamento li ha fatti sentire. Ho una storia che mi ha portato a far del male alle persone vicine a me“.

LEGGI ANCHE:  Shia Lebouf, la verità sulla rissa con Tom Hardy: "lottavamo di continuo"

“Mi vergogno di quella storia e sono dispiaciuto per quelli a cui ho fatto del male. Non c’è davvero altro che possa dire”. LaBeouf si starebbe ora curando, appunto in rehab, in un luogo non specificato in California. Non è chiaro che tipo di trattamento specifico stia ricevendo e non ci sono indizi su quando l’attore potrebbe riprendere la sua attività nel cinema.

Fonte: The Daily Mail

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.