Massimo Boldi sbotta ancora sul Covid: “Basta col terrorismo mediatico”

In un post su Facebook, Massimo Boldi ha invocato l'intervento di Sergio Matterella per contrastare le decisioni del Governo sul Covid

Massimo Boldi: ''Esco con tante ragazze e uso il viagra''

Massimo Boldi si è lasciato andare, su Facebook, ad un altro sfogo diretto al Governo e alla gestione della Pandemia. Già in passato l’attore comico milanese aveva espresso le sue perplessità invocando addirittura il ritorno di Gesù scrivendo

Il popolo ha paura, teme la fine di un mondo a loro perfetto così come l’hanno conosciuto, non vogliono tapparsi la bocca con mascherine da Pecos Bill, forse è tempo che ritorni il salvatore dei mondi, sì Lui… il supremo, nostro Signore (qui per tutti gli altri dettagli).

Questa volta “Cipollino”, ha avuto da ridire sulle decisioni che il Governo Conte sta prendendo per arginare il Covid, invocando l’aiuto del Presidente della Repubblica Sergio Matterella. In un post, poi cancellato Boldi ha infatti paragonato questo periodo storico alla Guerra, chiedendo alla più alta carica dello stato di rimuovere le mele marce.

In tempo di guerra nel nostro Paese la gente si riuniva nelle cantine per sfuggire alla morte – scrive il comico su Facebook. Oggi i Governi con la scusa della pandemia fanno esattamente il contrario. Invochiamo la carica più alta dello stato per poter eliminare tutte le mele marce se vogliamo vivere la controtendenza che salverà noi e i nostri figli. Un paradosso che sta facendo impazzire tutti. Diciamo basta con il terrorismo mediatico. Grazie Presidente!

Cosa ne pensate di questo ennesimo sfogo di Massimo Boldi? Secondo voi ha ragione o ha esagerato? Ha fatto bene a rimuovere il post?

Fateci sapere la vostra e continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.Com per altre news e approfondimenti!