Achille Lauro tra drag e sadomaso nel video di Maleducata [GUARDA]

Il video di Maleducata è l'ultima provocazione di Achille Lauro, impossibile da ignorare:

Achille Lauro
Achille Lauro nel video "Maleducata". Credits: Achille Lauro / YouTube
Condividi l'articolo

Achille Lauro sembra deciso a diventare un’icona della trasgressione sulla scena musicale italiana

Sembra strano, ma fino a sette mesi fa circa non avremmo mai pensato di vedere Achille Lauro come lo vediamo oggi: trasgressivo, impudente, provocatorio, sessualmente ambiguo. E diciamolo: ci siamo ormai abituati a questi suoi exploit, ma ciò non significa che non riesca ogni volta a sorprenderci.

Il suo nuovo video è per l’ultimo singolo, Maleducata, che fa da colonna sonora alla terza stagione della serie Baby. Ma la canzone e il video farebbero tranquillamente parlare di sé anche se non fossero legate a questa produzione. Achille Lauro, di per suo, fa già parlare di sé qualunque cosa faccia.

Il video di Maleducata è una specie di grande e intricato omaggio al mondo LGBTQ+, in più occasioni già “accarezzato” da Lauro con costumi, atteggiamenti, mosse e anche il famoso bacio con Boss Doms sul palco dell’indimenticabile Sanremo 2020. Ma c’è di più molto di più.

LEGGI ANCHE:  Sanremo 2021: Achille Lauro cita Pulp Fiction con Bam Bam Twist
Achille Lauro – Maleducata, 2020

Si va da una specie di strano battesimo che Lauro somministra a varie figure semi-nude in una piscina a composizioni plastiche che sembrano uscite da un film di Peter Greenaway, passando per trucco, parrucco, rossetto e smalto, ma anche guinzagli, maschere, stivali di pelle e corone di vario tipo.

Non manca nulla, insomma, di quel tipo di contenuti che facilmente potrebbero turbare, quanto non sconvolgere, tutta quella parte del pubblico musicale ancora decisa a dare ad Achille esattamente quello che vuole, ossia appunto il potere di provocare. Chi non vede che ciò che fa non è nulla di realmente “alternativo”, fa il suo gioco.

Per tutti gli altri, quella di Achille rimane una splendida messinscena che promette ogni volta qualche nuova polemica e non sembra destinata a finire presto. Avranno ragione quelli che vedono in lui un Renato Zero dei nostri giorni? Ce lo auguriamo, specialmente per un futuro in musica, per Achille, che non sia solo all’insegna della trasgressione.

LEGGI ANCHE:  Me Ne Frego di Achille Lauro è disco d'oro

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.