Scene di Sesso a Hollywood, il COVID cambia tutto: ecco come

Ecco come il cinema riprenderà a lavorare sotto il regime "COVID"

Condividi l'articolo

La Computer Grafica sarà utilizzata per “affrontare” le scene di sesso in tempi di COVID

Come sapete, con le perduranti misure di cautela sanitaria imposte dal COVID-19, le riprese delle varie attività lavorative sono tutte messe a dura prova. Non ultima quella della produzione cinematografica, un settore che è stato messo particolarmente in crisi dalla pandemia. Se, infatti, da un lato è urgente per troupes ed attori tornare al lavoro, dall’altro bisogna assolutamente fare in modo di proteggere quanto più possibile chi lavora in questo campo. Si parla, naturalmente, di tutte quelle scene da girare che, in un film, prevedono contatto fisico: nella fattispecie, le scene di sesso. Il pericolo di contagio è alto, per cui le precauzioni da prendersi sono numerose. In primis, una serie di controlli sulle condizioni fisiche degli attori. Poi, la presenza di equipaggiamento igienico-sanitario, e routine di lavaggio e sanificazione regolari.

Infine, e questa è la parte più interessante, si potrà arrivare fino alla riscrittura o alla eliminazione totale di alcune scene. Si parla delle scene che, a seconda della natura del contatto intimo previsto, potranno essere giudicate più o meno pericolose. Tutto questo è già successo in Francia, ed ora succederà anche ad Hollywood. La novità, però, nella capitale del cinema mondiale, sarà l’intervento occasionale della CGI (Computer-Generated Imagery), ossia quella che viene spesso chiamata la Computer Grafica. Immagini realizzate digitalmente, che anziché sostituire in toto le scene intime, accorreranno forse ad arricchirle, o a rendere visivamente qualcosa che sarebbe troppo rischioso da realizzare con gli attori. In buona sostanza, cambierà tutto.

LEGGI ANCHE:  Roma, i Musei chiusi si possono visitare gratis virtualmente

Fonte: The Daily Mail

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia pensa, la Scimmia fa.