16 curiosità su American Beauty

Il primo film da regista di Sam Mendes, un vero cult degli anni '90 con protagonista Kevin Spacey. Scopriamo insieme alcune curiosità su American Beauty.

Condividi l'articolo

6) Un successo planetario

Il film American Beauty ebbe un successo enorme in tutto il mondo. Costato solamente 15 milioni di dollari, ne incassò 356, imponendosi come cult e riflettendo criticamente la distorta e falsificata società americana dell’epoca (come qualche anno dopo fece anche Marc Cherry con la serie tv Desperate Housewives).

Kevin Spacey
Kevin Spacey in American Beauty (1999)

7) Il cast

Non è stato facile trovare il volto per il ruolo iconico della lolita Angela Heyes. Infatti vennero contattate diverse attrici tra cui Sarah Michelle Gellar, Brittany Murphy, Katie Holmes e Kirsten Dunst, le quali però rifiutarono il progetto.

Anche per la scelta dei due protagonisti ci furono alcuni problemi. Infatti il regista Sam Mendes pensava che Kevin Spacey e Annette Bening fossero le persone più adatte, ma la casa di produzione del film, la Dreamworks, non era molto d’accordo. I responsabili avrebbero infatti preferito attori di più alto profilo come Bruce Willis, Kevin Costner, John Travolta, Chevy Chase e Tom Hanks per Lester; per Carolyn, invece, avrebbero preferito Helen Hunt o Holly Hunter.

Il ruolo di Ricky Fitts era ambito anche da Jake Gyllenhaal e Seth Green, ma alla fine ottenne la parte Wes Bentley; per il ruolo del colonnello omofobo Frank Fitts, l’attore Chris Cooper invece fu l’ultimo ad essere reclutato nel cast. Cooper, appena letto il copione, trovò il suo personaggio esasperante ma alla fine accettò, anche se le riprese erano già iniziate.

LEGGI ANCHE:  1917: Tutto ciò che c'è da sapere sul film favorito agli Oscar

Infine il ruolo della figlia dei protagonisti, Jane, finì a Thora Birch che, all’epoca delle riprese aveva soltanto 17 anni. Per poter quindi girare la sua scena di nudo, fu necessario chiedere il permesso ai suoi genitori.

8) Il trucco c’è ma non si vede

Se osservate attentamente, nel corso del film American Beauty, le due ragazzine Tora Birch e Mena Suvari cambiano gradualmente il loro modo di truccarsi mano a mano che la storia prosegue. Mentre Tora è sempre meno truccata e più acqua e sapone, la giovane Mena abbonda con il make-up che la fa sembrare più adulta rispetto alla sua età. Questo sta a simboleggiare l’evoluzione psicologica delle due protagoniste che prendono due strade parallele e opposte.

9) Parodie

Come tutti i grandi film, anche American Beauty ha creato parodie e rivisitazioni, soprattutto delle sue scene più celebri. Una delle sequenze più famose del film è sicuramente quella in cui Mena Suvari è coperta da milioni di petali di rosa che cadono sulla faccia estasiata di Kevin Spacey. Un esempio si può riscontrare nel film d’animazione Madagascar, dove al posto delle rose piovono bistecche!

madagascar-american-beauty
La parodia di Madagascar che omaggia il film di Sam Mendes

In una puntata della serie animata I Griffin, Peter sembra innamorarsi di una giovane ragazza, ma appena lei si spoglia le escono dalla camicia mille cosce di pollo, invece che mille petali di rosa! Sempre ne I Griffin è presente anche la famosa scena del sacchetto che danza in aria.

LEGGI ANCHE:  Kevin Spacey accusato nuovamente di aggressione sessuale in Inghilterra

10) Improvvisazione

Il regista Sam Mendes ha lasciato molto spazio all’improvvisazione durante il suo film. Per esempio la scena della macchinina telecomandata è stata totalmente improvvisata da Kevin Spacey, come anche quella in cui canta in auto a squarciagola American Woman.

Anche la scena della cena in famiglia, quando Lester scaraventa il piatto di asparagi contro il muro, era diversa dalla sceneggiatura. Spacey, infatti, avrebbe dovuto lanciare il piatto per terra e non sul muro, quindi le reazioni delle due attrici Annette e Thora sono realmente genuine e sorprese.

Inoltre alcune sequenze hanno scatenato l’ilarità improvvisa degli attori: la scena in cui Kevin Spacey è fuori dal ristorante con Wes Bentley e inizia a ridere a crepapelle non era un momento previsto dal copione; un altro esempio è la scena in cui Lester pratica dell’auto erotismo nel letto accanto alla moglie. Questa scena venne ripetuta moltissime volte perché l’attrice non riusciva a finire di girare la scena senza ridere. Infatti Kevin Spacey riusciva ad improvvisare 35 sinonimi della parola masturbazione senza batter ciglio!