Queen – Perché John Deacon non visitò Freddie sul letto di morte

La triste storia di come il bassista dei Queen non sopportò la scomparsa dello storico cantante

Deacon
Queen. Credits: Richard E. Aaron

John Deacon prese la morte di Freddie peggio di tutti gli altri

In quanto membro più schivo, e forse più sensibile dei Queen, John Deacon rimase, per tutta la carriera del gruppo, un po’ sempre sotto la protezione di Freddie, che come carattere era praticamente l’opposto. Questo secondo gli stessi colleghi Brian May e Roger Taylor, che in seguito alla scomparsa del cantante dovettero “subire” l’abbandono del bassista. Infatti Freddie Mercury morì il 24 novembre 1991, e Deacon affrontò in seguito all’evento un lungo periodo di depressione.

Queen – I Want to Break Free, 1984. Pochi lo sanno, ma la canzone venne composta da John Deacon.

Leggi anche: I Queen su una faccia di una nuova moneta coniata in Inghilterra

In seguito a questo periodo, infine, decise di lasciare definitivamente i Queen e il mondo della musica nel 1997. Da allora, il musicista si è ritirato a vita privata, rifiutando quasi sempre di concedere interviste e di suonare ancora. Questo per dare l’idea del legame anche emotivo tra i due e del forte trauma subito da Deacon. Il che spiega perché egli non andò mai a visitare Freddie nei giorni precedenti alla morte del cantante. Semplicemente, non se la sentiva.

Fonte: Express

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.