Mr. Bean è Charlize Theron nello spot Deepfake di J’adore [VIDEO]

Mr. Bean è Charlize Theron nello spot Deepfake di J'adore [VIDEO]
Mr. Bean è Charlize Theron nello spot Deepfake di J'adore [VIDEO]
Condividi l'articolo

L’ennesima brillante trovata di un videomaker che sfrutta la tecnologia denominata deepfake per trasformare Mr. Bean in una modella per J’adore. Ricordiamo tutti il conturbante spot del famoso marchio d’alta moda che vedeva protagonista Charlize Theron. Proprio lei, usciva completamente nuda da una vasca piena d’oro. Il risultato di questo cambio strapperà più di una risata.

Questa nuova tecnologia, che ha già modificato e scambiato molti volti noti, come Jim Carrey protagonista di Shining, è a dir poco sensazionale. Un’accuratezza senza eguali che genera sempre risultati sorprendenti e, non da meno, divertenti. Come nel caso di Mr. Bean che diventa Charlize Theron. O il contrario, a secondo del punto di vista.

Tutta la poesia e la sensualità del famoso spot di J’adore si perde in una fragorosa risata. Anche e soprattutto per via delle classiche espressioni facciali di Rowan Atkinson, comico divenuto famoso proprio grazie all’iconico personaggio di Mr. Bean. Un attore che ha sempre saputo sfruttare la sua mimica facciale, ottenendo sempre buoni risultati. Come nel caso della spia Johnny English, riuscita parodia del conterraneo James Bond.

LEGGI ANCHE:  Salvano la vita al suo cane, lui spende 6 milioni per uno spot al Super Bowl

E chissà che non sia proprio Rowan Atkinson a sostituire Daniel Craig? Impossibile, lo sappiamo. Tuttavia, c’è sempre tempo e modo per creare un film deepfake sostituendo proprio il volto dell’ultimo Bond con quello di Mr. Bean. Intanto, vi consigliamo un posto isolato prima di schiacciare play su questo divertente video.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

Avatar di Lorenzo Pietroletti
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".