Mad Max: Fury Road, George Miller svela la storia del “chitarrista di fuoco”

Mad Max: Fury Road
Mad Max: Fury Road

George Miller parla del sequel di Mad Max: Fury Road e dell’iconico chitarrista in fiamme!

George Miller si è assicurato i finanziamenti per il suo prossimo film, Three Thousand Years of Longing, e ha avviato la produzione lo scorso marzo in Australia con le star Idris Elba e Tilda Swinton nel cast. Il film sarà il primo lungometraggio da regista di Miller da Mad Max: Fury Road del 2015.

In questa pausa però, Miller ha lavorato alla pre-produzione del prossimo film della saga di Mad Max. Miller dice che sta già preparando il sequel di Fury Road.

La storia di Doof Warrior

Nella sua intervista con il sito Deadline, Miller ha rivelato anche la storia di uno dei personaggi più iconici di Fury Road: il Doof Warrior, il chitarrista pazzo che ha uno strumento musicale che emette fuoco in cima a un veicolo in movimento. The Doof Warrior è stato interpretato da Sean Hape, un attore/musicista australiano che si esibisce sotto il nome di iOTA. Ecco la storia dl personaggio:

Era cieco dalla nascita. Quando le cose cominciarono ad andare male, lui e sua madre furono lasciati in una città mineraria. L’unico modo per sopravvivere era di andare in un posto dove essere ciechi poteva essere un vantaggio. E questo posto era un pozzo di miniera dove potevano sperare di sopravvivere. Ha preso ciò che per lui era più prezioso, uno strumento musicale, probabilmente una chitarra.

Mentre si aggiravano nel deserto, qualcuno sentì questa musica che risuonava da quel pozzo della miniera, andò laggiù, e per fortuna lo vide come una risorsa. Penso che abbiano ucciso sua madre perché lei non era di alcuna utilità. Lo presero e alla fine finì per diventare l’equivalente del batterista, del suonatore del chitarrista nell’esercito di Immortan Joe.

A questo punto speriamo di vedere al più presto il sequel di Mad Max: Fury Road, anche se a quanto pare ci sarà molto da aspettare. Tempo fa scoprimmo che i sequel erano ben tre!

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com.