I Goonies tornano al cinema in versione 4K a 35 anni dall’uscita!

i 4 protagonisti de I Goonies
Condividi l'articolo

Uno dei film cult della generazione passata, tornerà al cinema 35 anni dopo la sua release nelle sale. Stiamo parlando de I Goonies, storico film diretto da Richard Donner e scritto da Steven Spielberg. Una tre giorni che vedranno la proiezione in sala in versione restaurata 4K. Il save the date è fissato per il 9, 10 e 11 dicembre 2019. Un evento imperdibile firmato Warner Bros. Non resta che cercare la sala più vicina e fare un tuffo nel passato!

Torna dunque la banda di giovani ragazzi alla ricerca del tesoro in quel del Goon Docks di Astoria. E insieme alla ricerca, ci sarà da fuggire dai criminali italo-americani della famiglia Fratelli, diventati villain altrettanto iconici. Così come il grandissimo Sloth. Un ritorno a dir poco gradito per chiunque, anche per le nuove generazioni che potranno apprezzare I Goonies su grande schermo. E in versione restaurata.

Leggi anche: il triste destino della mappa di Willy L’Orbo

LEGGI ANCHE:  I Goonies, la tragica storia dell'attore che interpretava Sloth

Il nome Goonies proviene proprio dal quartiere che i giovani ragazzi devono salvare dai perfidi speculatori. Da Moon Docks proviene infatti il termine “goony“, un dispregiativo di “sfigato” (come se ce ne fosse bisogno). Da qui, il nome del gruppo di ragazzi tormentati dai soliti bulli.

E se questo fatto vi ha portato alla mente Stranger Things, ebbene, la cosa è più che normale. I Goonies sono fonte di principale ispirazione per la serie Netflix, anch’essa già cult. Insomma, un gradito ritorno in sala per tutti, in particolare modo per le generazioni cresciute con il capolavoro di Donner. E per quelle a venire che viaggeranno nel tempo per godersi questo cult!

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news e approfondimenti!

Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".