Quella volta che Elton John fu a 24 ore dalla morte

Elton John racconta nell'autobiografia di quanto sia stato vicino alla morte

Elton

Elton John racconta l’episodio nella sua autobiografia Me

Un’autobiografia in cui ripercorrere gli alti e bassi della carriera, fornire alcuni dettagli in più su alcuni episodi. Elton John in Me fa questo e svela alcuni retroscena come quello che riguarda il malessere che lo aveva colpito nel 2017 mentre era in tour. L’ufficio stampa dell’artista aveva dichiarato che si trattasse di un’infezione contratta in Sudamerica, molto rara e potenzialmente mortale. Nel libro il cantante rivela che l’infezione era stata sviluppata in seguito ad un’operazione per rimuovere un cancro alla prostata. Le sue condizioni erano così gravi che i medici dissero a suo marito – David Furnish – che se il tour fosse proseguito anche solo un altro giorno, sarebbe certamente morto. Elton racconta dei momenti, durante il ricovero, in cui ha pregato a lungo che la fine non arrivasse e di poter rivedere i propri figli. Dopo 11 giorni in ospedale è potuto tornare a casa e ha trascorso circa 7 settimane di convalescenza prima di ristabilirsi completamente.

Sono stato incredibilmente fortunato, anche se non mi sentivo tremendamente fortunato in quel momento. Rimasi sveglio tutta la notte, chiedendomi se sarei morto. In ospedale, da solo nel cuore della notte, ho pregato: “Per favore non farmi morire, per favore fammi vedere di nuovo i miei figli, per favore dammi ancora un po’ di tempo”

Elton John in questo momento è in giro con quello che ha dichiarato essere il suo ultimo tour (finirà nel 2021). L’autobiografia vuole essere una sorta di puntello al biopic Rocketman che, pur riportando fedelmente lo spirito e le principali fasi della sua carriera, si permette qualche licenza cinematografica.

Leggi anche: Rocketman esce super censurato in Russia, Elton John risponde

Scriveteci e seguiteci sulla nostra pagina Facebook Lasciammiapensa.com.