The Boys, una scena troppo Hot è stata rimossa: ecco i dettagli

The Boys
Condividi l'articolo

Chi ha avuto modo di vedere The Boys (qui la recensione), la nuova serie di Amazon Prime a tema super-eroistico, sa bene che non si tratta di una produzione esattamente casta.

Sembra paradossale, dunque, la scelta di Amazon di non vagliare una scena ritenuta troppo esplicita per essere mandata in streaming. Il gigante statunitense, infatti, pare abbia commentato con un “F**k no, you have to cut”, alla messa in onda di una sequenza in cui uno dei protagonisti si masturba sul cornicione di un palazzo, osservando sottostante la città di New York.

Così, in un botta e risposta su Reddit, commenta il co-autore di The Boys, Erik Kripke, il quale insieme a Seth Rogen, ha dato vita alle opinabili gesta di questa alternativa banda di eroi.

Per gli spettatori, può suonare strano che gli addetti ai lavori, abbiano deciso di bloccare la scena. Il motivo è da ricondurre agli sviluppi a dir poco piccanti con cui la serie tv si evolve durante tutta la narrazione.

LEGGI ANCHE:  The Boys, Soldier Boy è il padre di Patriota secondo una gettonata teoria

Allerta SPOILER! Basta pensare che negli episodi conclusivi, uno dei protagonisti si rimpicciolisce al punto da riuscire a entrare negli organi genitali di un’appartenente al gentil sesso…

Durante il confronto con i fan, Kripke ha poi aggiunto:

N”on ho veramente capito perché, considerando tutto quello che abbiamo mostrato nello show, abbiano deciso di tagliare proprio questa parte.”

Ciò che viene mostrato nella sequenza incriminata è uno dei protagonisti, Homelander (interpretato da Anthony Starr) che dopo essere stato svestito da Stilwell (Elisabeth Shue), inizia a masturbarsi affermando “posso fare quello che voglio”, finendo poi con raggiungere il “climax” affacciandosi sulla città.

Leggi anche: Amazon Prime Video, tutte le novità di agosto 2019

La sequenza sarebbe dovuta comparire durante il secondo episodio della prima stagione. “A dire il vero, sono stati molto clementi dato che si tratta dell’unica cosa che non hanno voluto includere”, ha puntualizzato Kripke.

Non c’è da dargli torto, dato che The Boys avrà una seconda stagione e tante nuove occasioni per rimettersi sotto esame dal radar NSFW del gigante on demand.