Stranger Things omaggia Giorgio Moroder

Una citazione di spicco tra i tanti rimandi agli anni '80

Giorgio Moroder e La Storia Infinita

Un pezzo di storia internazionale dal nostro piccolo angolo di mondo.

Parliamoci chiaro, gli anni ’80 non sarebbero stati tali senza la geniale mano compositiva di Giorgio Moroder. Come ormai tutti sanno grazie alla canzone dei Daft Punk, il suo nome è Giovanni Giorgio ma tutti lo chiamano, semplicemente, Giorgio. Nato in Italia, a Ortisei, il compositore nostrano troverà fortuna prima in Germania poi oltreoceano.

In uno dei maggiori cliffhanger dell’amatissima serie Stranger Things appare, non a caso, uno dei pilastri musicali degli anni ’80: Neverending Story. La canzone fu scritta da Giorgio Moroder in collaborazione con Klaus Doldinger (direttore della colonna sonora) per l’omonimo film La Storia Infinita, mentre il testo è a cura di Keith Forsey. Sia la pellicola che la sua colonna sonora sono entrati immediatamente nell’immaginario collettivo di un’intera generazione.

Limahl – Neverending Story, 1984

Una canzone indelebile, riproposta in modo intelligente dalla serie.

Il lavoro svolto a livello citazionistico svolto dai creatori di Stranger Things è senza alcun dubbio incredibile e maniacale. Gli omaggi e i revival presenti nelle tre stagioni sono molti e su di essi si struttura l’intera avventura, che altrimenti non sarebbe così emotivamente accattivante. Vien da sé che la serie non poteva non citare uno dei più grandi momenti di quel decennio, una canzone che ha riscritto un modo di interpretare la musica nei film di genere.

Alla voce del brano fu scelto l’ex cantante dei Kajagoogoo, Limahl, sotto la produzione di Giorgio Moroder. La sua voce calzava a pennello per dare quel risultato di soave epicitá. Neverending Story arrivò nelle prime posizioni in ogni nazione in cui il film fu distribuito. Curiosamente venne creata anche una versione tradotta in francese per la sola Francia.

Neverending Story, Main Theme Song, 1984

Una scelta sicuramente azzeccata.

La scena dell’ultimo episodio della terza stagione é uno dei punti più alti dell’intera serie. Inizialmente per quella scena, di cui non faremo alcun spoiler, stava per essere scelta un’altra canzone: Ent da Il Signore degli Anelli. Neverending Story è stata senza alcun dubbio l’opzione più giusta per creare sia una scena dall’alto contenuto emotivo sia per omaggiare una delle canzoni che ha forgiato gli anni ’80 sulle proprie note.

Leggi anche:

Musica e film – Metropolis (Versione Moroder)

Stranger Things, Millie Bobby Brown spoilera il futuro di Hopper?

Stranger Things 4 e il possibile collegamento con Chernobyl

Stranger Things 3, la recensione degli eterni anni’80

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.