David Bowie, una barbie Ziggy Stardust per i 50 anni di Space Oddity

Space Oddity fu il brano che permise a David Bowie di affermarsi come artista

Space Oddity

Space Oddity fu il brano che permise a David Bowie di affermarsi come artista

L’11 luglio Space Oddity di David Bowie ha compiuto 50 anni e la Mattel ha ideato un’iniziativa piuttosto insolita per celebrare l’anniversario. Un modello di barbie per collezionisti, acconciata come Ziggy Stardust, l’alter ego di Bowie. Capelli rossi all’indietro, un disco dorato dipinto sulla fronte, orecchini, tuta e stivali esattamente come il personaggio creato dall’artista con l’uscita dell’album The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders From Mars (1972).

Visualizza questo post su Instagram

BARBIE AS BOWIE AVAILABLE NOW “Ain’t that close to love? Well, ain’t that poster love? Well, it IS that Barbie doll…” In the year that @Barbie celebrates her 60th and on the very day that Space Oddity hit half a century, toymakers Mattel have announced a new collectable doll inspired by Bowie’s Ziggy Stardust wild mutation, Aladdin Sane. Dubbed Barbie as Bowie, the doll is dressed in one of the popular costumes sported by Bowie on his 1973 tour, including the iconic red platform boots, a Schwarzkopf ‘Red Hot Red’ mane of hair and gold disc on the forehead. It’s not yet known if Ken will follow suit, but we reckon he would look great as Halloween Jack or The Thin White Duke. More here: https://t.co/QDpwbJqoI6 (Temp link on main page) #Barbie #BarbieAsBowie

Un post condiviso da David Bowie (@davidbowie) in data:

Space Oddity fu pubblicata l’11 luglio 1969, cinque giorni prima del lancio dell’Apollo 11 e nove prima dell’allunaggio dello stesso. Il brano è stato ispirato dal film 2001: Odissea nello Spaziodi Stanley Kubrick, uscito l’anno precedente. Le registrazioni furono ultimate a giugno, ma esistevano alcune perplessità sul pubblicare alla vigilia della missione spaziale. Il testo racconta, infatti, dell’astronauta Major Tom che si perde nello spazio dopo esser uscito dall’astronave.

Alla fine, la pubblicazione in prossimità dell’ impresa spaziale più importante di sempre, permise alla canzone di sfruttare il traino di uno straordinario interesse per lo spazio che esplose ovunque. Fu il primo grande successo commerciale del Duca Bianco, che gli permise a 22 anni di affermarsi come artista internazionale. Ancora oggi Space Oddity detiene il record di vendite dei 45 giri in UK. Nel gennaio 2016, con la scomparsa di Bowie, è tornata in classifica in molti paesi (in Francia addirittura al primo posto).

Leggi anche: Ritrovato il primo demo mai registrato da David Bowie

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Sente, la Scimmia fa.