Liam Gallagher si propone come nuovo primo ministro del Regno Unito

A fine luglio i Tories eleggeranno il nuovo premier britannico, ma Liam ha opinioni diverse

premier

A fine luglio i Tories eleggeranno il nuovo primo ministro britannico, ma Liam ha opinioni diverse

L’ego spropositato di Liam Gallagher non è una novità e, con l’importanza della comunicazione via social di oggi, può anche essere un mezzo efficace per far parlare di sé (e della propria musica). In questo caso l’ex Oasis ha apparentemente superato ogni limite di ragionevolezza, e si è proposto come prossimo primo ministro britannico. A luglio il partito conservatore eleggerà il nuovo segretario, dopo le dimissioni di Theresa May lo scorso giugno. Per le leggi del Regno Unito, diventerà anche automaticamente il premier in carica essendo il rappresentante principale del partito di governo.

Liam ha scritto su Twitter “Il mio nome è Liam Gallagher, ho 4 figli bellissimi, mi sono divertito con le droghe negli anni e ho avuto molte numero 1 (in classifica). Adesso mandatemi le chiavi del numero 10 (di Downing Street) che sistemerò questo mucchio di merda. Perché io? Perché no?”.

La provocazione è naturalmente legata alla promozione del suo nuovo album WHY ME? WHY NOT? che uscirà a settembre. Dopo il tweet Our Kid ha rincarato la dose scrivendo “ParLIAMent dai ti puoi fidare”. Ad un utente che gli chiedeva cosa avesse intenzione di fare una volta eletto, ha risposto che avrebbe fatto riunire gli Oasis per legge. A questo punto potrebbe anche essere ragionevole valutare la tua candidatura, Liam.

Leggi anche: Liam Gallagher, nuovo video e data di uscita del nuovo album

Continuate a seguirci sulla nostra pagina ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.