Cinema America: nuova aggressione ai danni di una ragazza

cinema america

Non si placano le animosità nei confronti dei ragazzi del Cinema America, l’associazione che si sta impegnando negli ultimi anni per riportare il cinema in piazza, specificatamente nella zona di Trastevere, a Roma.
Dopo i fatti dello scorso 15 giugno infatti, quando 2 componenti dell’associazione sono stati vigliaccamente accrediti da un gruppo di quattro ragazzi ricondubili a movimenti di estrema destra poichè rei di indossare una maglietta che è stata intesa come un simbolo antifascista, stanotte è stata la volta di una giovane ragazza.

Leggi anche: Ragazzi con la maglietta del Cinema America violentemente aggrediti

In questo caso, vittima della violenza, è stata la ventinovenne Federica Zacchia, ex fidanzata del presidente dell’Associazione ‘Piccola America’, Valerio Carocci. La ragazza ha avuto come unica colpa quella di aver mostrato pubblicamente la sua vicinanza ai ragazzi aggrediti e la sua condanna ai coetanei di estrema destra autori del gesto.

La giovane è stata aggredita da due ragazzi che l’hanno scaraventata a terra causandole una leggera escoriazione sul volto che le ha provocato una prognosi di 3 giorni. Sul fattaccio sta già indagando la Digos della questura di Roma che già sta lavorando per identificare ed arrestare i colpevoli dell’aggressione di qualche giorno fa.

Nonostante le difficoltà iniziali nell’identificazione degli aggressori data la mancata presenza dei loro volti nei database della polizia, grazie ad accurate ricerche sui social, gli agenti sarebbero riusciti a risalire ai nomi dei colpevoli della precedente aggressione. Alcuni sarebbero giovani militanti di movimenti estrema destra (Casapound e Blocco Studentesco) con alle spalle diverse condanne per lesioni, daspo et similia. Niente di cui andare fieri, poco ma sicuro.

Su tale episodio si è ovviamente espressa la sindaca di Roma, Virginia Raggi che, su twitter ha espresso tutta la sua vicinanza alle vittime delle aggressioni e repostando il discorso fatto dall’attore Jeremy Irons in difesa dei ragazzi aggrediti qualche giorno fa.