Ogni tanto dovremmo disprezzare Bojack Horseman

Bojack

Bojack Horseman è uno dei prodotti di punta di casa Netflix.

Senza dubbio figura tra le migliori serie animate mai realizzate, uscito vincente dal confronto con tante opere analoghe e non. È riuscito a conquistare un successo strepitoso non solo per l’originalità nell’animazione, ma anche e soprattutto per una sceneggiatura ed una narrazione di grandissima qualità. Questo è il carattere di spicco che permette a Bojack di misurarsi con i protagonisti in carne ed ossa delle grandi produzioni seriali, potendo condividere con loro una profondità e una ricchezza nella caratterizzazione che solitamente non appartiene ad un cartone animato. E non solo Bojack, ma tutti i personaggi che gli gravitano intorno sono condotti magistralmente nelle loro sotto-trame.

Un’opera di assoluto prestigio, come conferma l’ultima stagione, che sfiora picchi di qualità cinematografici. Basti pensare all’undicesima puntata, The Showstopper, costruita con un montaggio incrociato miracoloso, che regge, riassume e rafforza la tensione emotiva dell’intera serie. Oppure all’ormai cult Free Churro, la settima puntata che contiene il complesso ed ispirato epicedio di Bojack sulla bara della madre. Puntata che su IMDB, con un altissimo 9.8, è al tredicesimo posto della classifica generale degli utenti, appena sotto i migliori episodi di Game of Thrones e Breaking Bad.

Questi sono i motivi per apprezzare Bojack

Non quelli che troppo spesso si leggono sui social da parte di persone che si riflettono in alcuni comportamenti dello psicotico cavallo. Bojack non è mai stato pensato come un personaggio modello, ma come l’incarnazione dei vizi peggiori di una certa Hollywood. È quindi fondamentale guardare con occhio critico alla personalità del protagonista, poiché non vuole essere riferimento, ma occasione per riflettere. Riflettere su una serie di tematiche che sono poi quelle principali della serie, e che giustamente si concretizzano principalmente in Bojack.

Adoro il modo in cui Bojack tratta le persone, è così uguale a me. Un esempio del vasto campionario che si può raccogliere sui vari social, che raccolgono ragazzine esuli di Tumblr ed Emo che non ricordano più la password per accedere a MySpace. Scherzi a parte, non si può provare empatia con Bojack fino ad immedesimarsi nei suoi comportamenti più egoistici. Non è quello il lato del suo carattere con cui entrare in sintonia, riflesso della superficialità con cui le relazioni vengono gestite negli ambienti degli studios. Il modo in cui Bojack non mostra nessun riguardo per i sentimenti delle altre persone non dev’essere un motivo di simpatia, ma piuttosto uno spunto di catarsi, nel caso in cui dovessimo rispecchiarci in questi atteggiamenti.

Si avvicina la fine per BoJack Horseman ? Parla l'autore

Non solo il modo in cui si relaziona con gli altri, ma è soprattutto il suo costante conflitto interiore ad essere criticabile.

Bojack è una persona estremamente autodistruttiva, e il finale della quinta stagione ci mostra chiaramente quale sia il suo destino al momento. Per cui è sbagliato riferirsi ai suoi vizi come se fossero anche i nostri , della serie Amo quando Bojack si ubriaca e si risveglia tre settimane dopo. Gli stati allucinati provocati dalle sue numerose dipendenze vengono mostrati su schermo con tripudi di colori e transizioni che ne fanno gloriosi momenti di animazione, ma non devono farci dimenticare il background malato che ci ha portati lì. Basta ricordare la saga di Sarah Lynn per rendersene conto.

In generale quindi il suo costante nichilismo non deve condurci con lui nel vortice che lentamente lo risucchia. Ovvio, sono ben altri gli insegnamenti che questa serie meravigliosa ha lasciato al grande pubblico, e poi è un dibattito vecchio come il mondo quello sul valore educativo di alcuni prodotti televisivi. Di certo non si vuole polemizzare su uno dei capolavori della modernità, ma piuttosto evidenziare le criticità di un personaggio, e di una serie, che non devono diventare i suoi punti di forza.

Rimanere consapevoli del disprezzo che Bojack deve provocare in noi lo rende davvero il grande personaggio che è: quello anch’esso conscio dei propri limiti, in costante guerra con la propria coscienza, ma anche alla continua ricerca di una redenzione. Ed è questo a rendere Bojack Horseman una serie capace di affrontare certe tematiche senza cadere nel baratro del dramma senza luce.

Bojack
“It gets easier. Every day it gets a little easier. But you gotta do it every day — that’s the hard part. But it does get easier”

Leggi anche:

Dai creatori di BoJack, ecco il primo trailer di Tuca and Bertie

Le migliori citazioni di Bojack Horseman

Continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com per altre notizie, curiosità e approfondimenti