Mektoub, My Love: a Cannes, scappa dalla sala anche la star del film

Durante la prima di Mektoub, My Love alcuni spettatori sono scappati per le forti scene di sesso. La cosa assurda è che lo ha fatto anche la star del film

Il 72esimo Festival di Cannes è ormai alle spalle e non ci resta che accettare la lista dei vincitori e guardare già all’anno prossimo. Prima di chiudere il capitolo su questa edizione, però, vorremmo soffermarci su ciò che è successo il 23 maggio durante la proiezione di Mektoub, My Love.

Il film di Abdellatif Kechiche, noto al grande pubblico per La Vita di Adele, ha ancora una volta scandalizzato. Dedito ad una rappresentazione del sesso cruda, realistica e passionale, il regista non ha mancato di inserire la sua visione anche in Mektoub, My Love: Intermezzo, seguito di Canto Uno del 2013.

Durante la proiezione delle scene incriminate, come già successo a Lars Von Trier l’anno scorso, alcuni spettatori hanno deciso di abbandonare la sala. E fin qui direte tutto bene, i benpensanti esistono e agiscono in questa maniera da sempre; ma l’assurdo si trova in un’altra fuga, vale a dire quella della protagonista del film: Ophelie Bau

L’attrice è rimasta totalmente contrariata da una particolare scena di sesso in cui vediamo praticare esplicitamente del sesso orale. La camera indugia per ben sette minuti sulla vagina della Bau, che pare si sia detta completamente all’oscuro e che non aveva idea dell’esistenza di questa scena. Alla visione, l’attrice incalzata dal pubblico, ha iniziato a fischiare e ridere per poi lasciare la sala infuriata. Il giorno dopo ha disertato anche la conferenza stampa.

Tra l’imbarazzo generale, i diretti interessati, tra cui il regista, hanno preferito non rispondere sulla questione.

E voi cosa ne pensate? Siete per la libertà assoluta del regista o per la partecipazione attiva degli attori anche sulle scelte artistiche e di scrittura?

Ci sembra un dibattito proficuo, a voi i commenti.

Leggi anche:

I 10 migliori film che hanno come tema centrale il sesso

Continua a seguirci su LaScimmiapensa.com