Noi di Jordan Peele ha un incredibile legame con Friends

Noi, l'ultima pellicola targata Jordan Peele, ha un legame piuttosto interessante con la famosa sitcom statunitense

Noi di Jordan Peele ha un incredibile legame con Friends

Noi, l’ultima pellicola targata Jordan Peele (QUI la recensione), ha un legame piuttosto interessante con la famosa sitcom statunitense, Friends. Le gemelle presenti all’interno del film sono la famosa bambina Emma, la figlia di Ross e Rachel.

Le gemelle hanno fatto la loro prima apparizione nell’episodio intitolato The One in Barbados, hanno preso parte agli episodi Emma-centrici e la loro apparizione finale è stata nella decima stagione, The One Where Estelle Dies. Oggi Cali e Noelle Sheldon hanno 16 anni e dopo una serie di piccoli progetti indipendenti hanno finalmente segnato la loro carriera nel nuovo film di Jordan Peele. E proprio Cali ha rilasciato qualche parola in merito al regista statunitense.

Potrebbe interessarti anche: Jordan Peele: “Non sceglierò mai un bianco come protagonista”

”Tutti erano super amichevoli, e Jordan Peele era incredibilmente gentile e lui è un vero genio. Vederlo lavorare è stato davvero bello, è stato super gentile con noi e lui era proprio come un ragazzo normale che cerca di farci sentire a nostro agio. In realtà pensavo che non voler diventare un’attrice prima di ottenere le parte perché pensavo che sarebbe stato troppo lavoro, ma vedere tutti quegli attori sul set mi ha ispirato molto.”

Nel film, Cali e Noelle interpretano Becca e Lindsey, le odiose figlie di Kitty Tyler (Elisabeth Moss) e di suo marito, Josh (Tim Heidecker).

Dopo aver scosso la cultura contemporanea e aver vinto il premio Oscar per Miglior Sceneggiatura Originale con il film Scappa – Get Out, il nuovo film di Jordan Peel, Noi, ha già incassato 70 milioni di dollari al botteghino portandosi dietro un successo incredibile.

Leggi anche: Friends, sosia di Ross ricercato per furto di birre

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com

Kevin Bravoco
Grande appassionato di Cinema, coltiva la sua passione per la Settima Arte divorando pellicole di ogni genere, da Kurosawa a Bergman, passando da Cronenberg a Mario Bava, fino al cinema Tarantiniano. Il suo regista preferito è Pasolini, il suo film preferito.... Saló o le 120 giornate di Sodoma.