“Amber Heard ha mentito sugli abusi”, Johnny Depp chiede 50 milioni di risarcimento

Johnny Depp rompe il silenzio sulle accuse che gli sono state mosse contro e denuncia Amber Heard per diffamazione, chiedendo un risarcimento di 50 milioni

Johnny Depp accusa Amber Heard
Johnny Depp accusa Amber Heard

Johnny Depp si è finalmente deciso a passare al contrattacco. La storia del suo divorzio milionario con Amber Heard ha riempito giornali per mesi e mesi, sin da quando l’attrice di Aquaman accusò per la prima volta l’allora marito di averla picchiata e di averla fatta vivere in un ambiente domestico pieno di paura e violenza.

Sebbene molte star siano scese in campo per difendere la reputazione dell’attore, comprese le ex compagne Winona Ryder e Vanessa Paradis, la gogna pubblica ha sancito dall’inizio la totale colpevolezza di Johnny Depp, anche a causa di foto di Amber Heard circolate successivamente in rete in cui si vedeva l’attrice con delle ferite ed escoriazioni sotto l’occhio. Ma proprio su questi segni di violenza i più scettici hanno cominciato a storcere il naso, perché sembrava che queste ferite andassero e venissero all’occorrenza.

Mentre Amber Heard andava avanti con le sue denuncia, facendo a pezzi anche la reputazione lavorativa di Depp, che è stato estromesso dal franchise di Pirati dei Caraibi, quest’ultimo rimase in silenzio. All’epoca dei fatti Johnny Depp era impegnato con il tour mondiale del suo gruppo, i The Hollywood Vampires, e aveva da poco perso la madre. Offrì il silenzio come unica risposta alle molte accuse che gli venivano mosse, finché non si accordò per un divorzio milionario, che Amber Heard dichiarò di voler dare in beneficienza.

Leggi anche: film troppo hot, Amber Heard denuncia il produttore

La storia sembrava conclusa in questo modo: Amber Heard paladina del movimento delle vittime di abusi domestici e Johnny Depp a cercare di rimettere insieme i pezzi della sua vita e la sua immagine pubblica. Tuttavia, lo scorso ottobre, nel bel mezzo della collezione di documenti volti a portare avanti una causa contro il Sun che per primo lo aveva definito un uomo che picchiava la moglie, Johnny Depp rilasciò un’intervista a GQ British che accese di nuovo i riflettori sul caso.

Nell’intervista Johnny Depp si difendeva dalle accuse e nel sottolineare quanto lo ferisse essere considerato un uomo violento, diede per scontato il fatto che Amber Heard avesse mentito su ogni cosa. Ora, a distanza di mesi da quell’intervista, Johnny Depp ha deciso di agire sul serio per vie legali. Il primo gesto è stato quello di chiedere un risarcimento di 50 milioni di dollari per diffamazione, contestando tutte le dichiarazioni fatte da Amber Heard, in special modo una dello scorso Dicembre con il The Washington Post in cui l’attrice, pur senza fare nomi, aveva sottolineato di nuovo il carattere violento dell’ex marito. In aggiunta, il team legale dell’interprete di Jack Sparrow ha fatto trapelare anche un’accusa di adulterio nei confronti di Amber Heard, assicurando di avere le prove che testimoniano come l’attrice avesse una relazione con Elon Musk anche mentre era sposata con Johnny Depp.

Leggi anche: Johnny Depp “LSD avrebbe velocizzato la cattura di Bin Laden”

Il vero punto di svolta in questa guerra alla verità è data dalla pubblicazione di una foto che ritrae Johnny Depp con un occhio nero. Stando a quanto riportato dall’accusa, la ferita gli sarebbe stata inferta da Amber Heard, la notte del trentesimo compleanno dell’attrice. A quanto sembra Heard era molto arrabbiata perché Johnny Depp aveva fatto ritardo alla sua festa di compleanno. Una guardia di sicurezza dichiarò che, sebbene non avesse testimoniato all’aggressione fisica, era altresì presente quando, in preda a uno scatto d’ira, Amber Heard aveva gettato dalla finestra il telefono di Johnny Depp.

Interrogata pochi giorni dopo l’uscita di questi nuovi documenti, al suo arrivo all’aeroporto di Heathrow, l’attrice avrebbe detto solamente: sto combattendo per una buona causa. Anche in questo caso, però, il team legale di Johnny Depp ha contrattaccato subito, dichiarando che prendersi gioco di chi è veramente vittima di abusi non è quella che si potrebbe definire una buona causa.